Sol Invictus

Sotto il Sole

Genetica delle popolazioni del Peloponneso e influsso slavo

Post rivisto il 25/03/2017
Genetics of the peloponnesean populations and the theory of extinction of the medieval peloponnesean Greeks – George Stamatoyannopoulos et al. – uropean Journal of Human Genetics advance online publication 8 March 2017; doi:10.1038/ejhg.2017.18

Dall’astratto, traduzione libera.
Il Peloponneso è stato una delle culle della civiltà europea classica e un importante contributo alla storia antica europea. E ‘stato anche oggetto di una controversia circa l’ascendenza della sua popolazione. In una teoria dibattuta dagli studiosi per oltre 170 anni, lo storico tedesco Jacob Philipp Fallmerayer propose che i peloponnesiaci medievali furono totalmente estinti da invasori slavi e àvari e sostituiti da coloni slavi nel corso del VI secolo d.C. Qui usiamo 2,5 milioni di polimorfismi a singolo nucleotide per studiare la struttura genetica delle popolazioni peloponnesiache in un campione di 241 individui provenienti da tutti i distretti della penisola e per esaminare le predizioni della teoria della sostituzione delle peloponnesiaci medievali da slavi. Troviamo notevole eterogeneità delle popolazioni Peloponnesiache esemplificato da sottopopolazioni geneticamente distinte e dai gradienti di flusso genico all’interno Peloponneso. Con l’analisi delle componenti principali (PCA) e l’analisi ADMIXTURE quelle peloponnesiache sono chiaramente distinguibili dalle popolazioni della patria slava e sono molto simili a siciliani e italiani. Utilizzando un nuovo metodo di analisi quantitativa del risultato di ADMIXTURE troviamo che l’ascendenza slava delle sottopopolazioni peloponnesiache varia dallo 0,2 al 14,4%. Le sottopopolazioni considerate da Fallmerayer come tribù slave od originarie del Vicino Oriente, non hanno ascendenza significativa da entrambi. Questo studio respinge la teoria dell’estinzione dei peloponnesiaci medievali e illustra come la genetica può chiarire aspetti importanti della storia di una popolazione umana.

I risultati delineati nell’astratto, considerando che il Peloponneso è la parte più meridionale della Grecia continentale, mi sembrano grosso modo in linea con un influsso slavo medio nell’attuale territorio greco stimato al 10-20%, come detto da altri analisti e riportato in questo blog. Attualmente l’elemento slavo nella Grecia settentrionale è stimato intorno al 24% secondo qualche fonte, anche se c’è chi pensa che fosse più abbondante anticamente prima di trasferimenti di gente dall’Anatolia (1).
Un problema ovvio ed evidenziato nel post (1) è che gli slavi medievali probabilmente non arrivarono direttamente dalla regione includente Polonia, Ucraina, Bielorussia, presa in considerazione dallo studio come fonte originaria di slavi, ma migrando assorbirono popolazioni più o meno diverse, e quindi anche più balcaniche e meridionali per cui gli “slavi” che arrivarono nel Peloponneso erano probabilmente più numerosi di quanto indicato da questo studio e forse anche di molto.

Mi risulta che i dati dell’astratto 0,2% e 14,4% vengono dalle tabelle 2 e 3. Prendendo per veritieri i dati della tabella 2 e facendo una media approssimativa, ottengo un 8% di slavo presunto originario per tutto il Peloponneso. È più o meno quanto mi aspettavo. Però ciò che trovo curioso e non vedo spiegato è l’elevato valore per l’ascendenza condivisa con i russi, circa il 12%. I russi sono geograficamente i più lontani degli slavi considerati e alzano la media: senza, l’elemento slavo sarebbe intorno al 6%. Si deve ad un artefatto o ad una popolazione russa poco coesa che è stata un ricettacolo di elementi eterogenei come si ricava da un commento di blogger (2)? O forse si tratta di gruppo di slavi particolari più direttamente collegati a quelli migrati in Grecia?

Inoltra alcune popolazioni che si ritenevano possibilmente di origine slava o alternativamente di origine mediorientale come quelle della penisola Maina o Mani e della catena montuosa Tayetos (Taigeto) risultano non avere legami particolari del genere nonostante qualche teoria e resoconto storico.
Secondo la tabella 2, la popolazione del Peloponneso risulta avere circa il 94% di ascendenza in comune con gli italiani.

Da commenti apprendo di alcuni collegamenti certi o teorizzati interessanti fra la cultura slava e quella della Grecia antica che mi ricorda un noto libro di un italiano, Omero nel Baltico, pubblicato nel 1995. Un commentatore descrive alcuni antichi legami, anche per quanto riguarda la poesia, fra slavi, greci e indoariani vedici e include con una serie di link (1, date dei comm. March 19, 2017 at 2:57 AM – March 20, 2017 at 4:00 AM). Afferma che divinità come il greco ‘Keraunos’, frigio ’Bagaios’, e tracio ‘Sabazios’ hanno un etimologia slava. Una persona offre dei link a mappe di toponimi basati su alcune radici slave come ‘sopot’, ‘bardo’, ‘krak’, ‘nakel’, nei Balcani e altrove: Link1, Link2, Link3.

Viene proposto un legame fra l’espansione iniziale dei proto-slavi e l’aplogruppo “I2a sud-slavico I-S17250 che risulta aver un tMRCA di 160. d.C. L’espansione potrebbe essere avvenuta anche grazie alla peste antonina del 165-180 d.C. che causò cambiamenti demografici. Il precursore I-CTS10228 avrebbe un tRMCA di 200 a.C. Insieme, gli aplogruppi maschili R1a e I2a raggiungono il 27% fra i greci con un punta del 40% fra quelli settentrionali e si pensa che siano giunti in gran parte con le migrazioni del Medioevo (1). Parlando di peste, l’autore del blog (1) cita un paper che collega l’espansione slava del 6°-8° secolo d.C. alla pandemia di peste del 541-543 d.C. e alle epidemie successive fino alla seconda metà dell’8° secolo che ebbero un impatto demografico pesante nell’Impero romano d’Oriente e altrove (4).

Infine due studi:
– uno sulla morfologia craniofacciale dei greci che indica cautamente una continuità della popolazione greca pur con inevitabili mescolanze e selezioni di vario tipo difficilmente quantificabili. Insomma, non mi pare dica molto (5).

molto più interessante un post con un bel grafico con tanti pallini colorati e che descrive un’analisi dei greci. Il blogger osserva che costoro si dividono in due gruppi, uno minore nettamente più meridionale e simile agli “italiani” (che il blogger chiarisce essere del Sud, ma non siciliani) ed un gruppo più grande allungato chiaramente spostati verso il campione polacco (6). Il blogger sospetta che il primo rappresenti una parte delle isole egee e greci con origine anatolica spostatisi in Grecia, per es. all’inizio del ventesimo secolo.
Per fare una prova con tale grafico u
tilizzo gli italiani meridionali come riferimento e suppongo che gli antichi greci fossero molto simili a detti italiani e che gli italiani meridionali si siano spostati poco o nulla in direzione nord-sud negli ultimi duemila e passa anni facendo una media fra le varie influenze genetiche, il che è non è affatto scontato. Con queste ipotesi al limite del campato in aria, facendo quasi ad occhio le proporzioni sul grafico mi viene che il secondo gruppo, presumibilmente in gran parte di greci continentali, ha assorbito un 17-18% di slavo originario.

  1. Greek confirmation bias – March 18, 2017 – Eurogenes Blog – Link
  2. Negligible genetic flow in Slavic expansion to the Balcans -September 23, 2015 – For what they were… we are – Link
  3. Trypillian mtDNA + hints of things to come? – February 24, 2017 – Eurogenes Blog – Link
  4. The plague pandemic and Slavic expansion in the 6-8th centuryArkadiusz Soltysiak – Archeologia Polona, vol. 44:2006, 339-364 – PDFfotocopia
  5. Craniofacial Morphology of Greeks – /08/2014 – Dienekes Pontikos – Link
  6. Greeks with Slavic Ancestry and Without – Razib Khanagosto 14, 2015 –  Gene Expression Blog – Link
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il marzo 21, 2017 da con tag , , , , , , .

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: