Sol Invictus

Sotto il Sole

L’outlier di Poltavka e un modello ibrido della diffusione delle lingue indoeuropee

Rivisto 15/10/2016
Un individuo di quasi 5000 anni fa di Poltavka, Russia, medio Volga, fu segnalato come “outlier” (anomalo, furiclasse, fuorigruppo) rispetto ad altri campioni dalla regione, e chiamato quindi “Poltavka outlier” in Mathieson et al. (2015). L’anomalia è dovuta al fatto che risulta troppo occidentale. Il suo aplogruppo paterno è R1a-Z93 (Z94 +), che oggi rappresenta oltre il 90% dei lignaggi R1a in Asia con picchi di frequenza di oltre il 60% nelle regioni settentrionali dell’Asia meridionale. La datazione del suo luogo di sepoltura, 2925-2536 cal a.C., suggerisce che egli non visse molto dopo che emersero le mutazioni Z93 e Z94 (1). C’è una descrizione della sepoltura che include i resti di un uomo decapitato la cui testa fu sostituita con una di cavallo che ricorda il mito rigvedico di Dadhyac Atharvan (2).

Le analisi delle componenti principali (PCA) del blogger (1) lo mostrano spostato verso gli individui del Centro Europa di allora e varie analisi come qpAdm e TreeMix gli danno un media approssimativa del 35% di componente medio-neolitica dalla Germania oppure di un individuo medio neolitico iberico (il resto è Samara, Yamnaya), anche se l’iberico probabilmente viene scelto da TreeMix perché approssima altre popolazioni occidentali dell’epoca.

Quindi questo “anomalo” non può essere modellato come una miscela di CHG (cacciatori-raccoglitori caucasici) e EHG (c-r orientali), ed è probabilmente il risultato della mescolanza tra pastori Yamnaya delle steppe occidentali ed europei del Neolitico Medio con un elevato rapporto di ascendenza WHG. Il che suggerisce che le origini sia di Z93 che Z94 sono ben all’interno dei confini generalmente accettati dell’Europa e non in Asia. La diffusa presenza di queste mutazioni in Asia si fonde bene con la teoria che le lingue indoiraniche si espansero rapidamente dalla steppa eurasiatica in Asia durante l’Età del Bronzo.
Diversamente,
il Primo e Medio Neolitico anatolico e gli agricoltori neolitici ungheresi forniscono un adattamento migliore (fit) rispetto agli agricoltori medio-neolitici dalla Germania per quanto riguarda le culture più orientali e successive di Andronovo e Sintashta (3). Quindi una popolazione che assomiglia agli anatolici neolitici può aver vissuto da qualche parte vicino ai Carpazi durante l’età del bronzo e ha contribuito in maniera significativa alla formazione di Andronovo e Sintashta. Credo che questo spieghi perché il blogger del post e altri propongono da qualche tempo un’introgressione di agricoltori neolitici proveniente dai Carpazi pari al 10-15% in Yamnaya e quelle culture (post, cultura Cucuteni-Trypillian).

Quanto sopra contrasta con un modello ibrido, presentato a ottobre 2016 a Mosca da un membro del Max Planck Institute, dell’origine dell’indoeuropeo nell’area dell’Anatolia orientale, Zagros, Mesopotamia a giudicare dalla mappa del post che riporta la conferenza (video 4, minuto 2:56:00 si vede meglio che nel post). Si vede che secondo questo modello c’è stata una diffusione a est verso l’India per le lingue iraniche e ariane, a nord del Caucaso nelle steppe per altri gruppi, inclusi gran parte di quelli che sono andati in Europa, verso ovest per il greco e altre lingue. Secondo quanto riportato in un commento del post, questo modello sarebbe stato elaborato soprattutto per cercare di spiegare le lingue indoeuropee del ramo anatolico.

In pratica la mappa descrive come linguisticamente IE gà la civiltà di Harappa, la Indus Valley Civilization, IVC, nel periodo maturo (freccia verde 4500 a.C.). Essa viene data secondo i commenti come 85% ASI (Ancient Sout Indian) e 15% ANI (neolitica iraniana), ma ciò risulta da campioni del 2500 a.C. quindi da prima dell’invasione indoariana teorizzata dalle steppe/Asia centrale nel II millennio a.C. Questo spiega la carenza di elemento genetico dalle steppe che si riscontra successivamente nelle popolazioni dell’area stando ai commenti.

Commenti utili da leggere sono quelli datati October 9, 2016 at 10:37 AM e poi October 9, 2016 at 11:23 PM perché la commentatrice interpreta quanto presentato. Il modello offre in pratica una spiegazione basata sulla diffusione delle lingue a ondate, almeno in parte separata dalla genetica non cercando necessariamente legami fra gli aplogruppi parentali delle popolazioni portanti. Le lingue satem si sarebbero separate in MO andando verso l’India e verso il Baltico. Si semplifica la spiegazione per l’armeno e il ramo anatolico delle lingue IE. Si spiega la differenza fra greco e il ramo italo-celtico. Eccetera.

Però l’autore del post e dell’analisi descritta sopra dell’individuo di Poltavka anomalo, d’accordo con altri, osserva che il modello secondo lui non quadra perché nelle steppe a nord del Caucaso non c’è componente neolitica iraniana e sud caucasica dell’epoca. Poi è difficile spiegare le lingue indoiraniche così separate da quelle slavo-baltiche, ecc. Soprattutto è molto improbabile che le lingue si siano diffuse frequentemente senza una scia rilevante di aplogruppi parentali comuni, soprattutto quelli paterni.

  1. The Poltavka outlier – January 11, 2016 – Eurogenes Blog – Link
  2. The Aryan Trail (3500 – 1500 BC) – Link  (paragrafo riportato anche da Eurogenes Blog qui)
  3. qpAdm tour of the Eneolithic/Bronze Age steppe – November 24, 2015 – Link
  4. Фестиваль науки 2016 Шуваловский корпус МГУ, ауд. В4 – (traduzione: Science Festival 2016 Shuvalovsky building of MSU, auditorium. B4)Youtube – Link

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il ottobre 13, 2016 da con tag , , , , , , , , , , , .

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: