Sol Invictus

Sotto il Sole

I na-dene discendono dalla migrazione di paleo-eschimesi in America. Componente ANE negli amerindi

Rivisto 02/10/2016
Na-Dene populations descend from the Paleo-Eskimo migration into America
– Flegontov et al. – bioRxiv – Posted September 13, 2016 – doi:
http://dx.doi.org/10.1101/074476 da cui PDF:

Dall’astratto, traduzione libera:
la preistoria dei nativi americani di famiglia linguistica Na-Dene rimane controversa. Una continuità genetica fra Paleo-eschimesi (Saqqaq e Dorset culture) e Na-Dene è stato proposto sotto il modello di insediamento a tre ondate dell’America; tuttavia, studi recenti hanno prodotto risultati contrastanti. Qui, abbiamo effettuato la ricostruzione e la datazione della storia della popolazione Na-Dene, utilizzando i dati del sequenziamento del genoma e un metodo di coalescenza basato su alleli rari (Rarecoal). Abbiamo inoltre applicato approcci senza modelli per l’analisi di alleli rari e condivisione di aplotipi autosomici. Tutti i metodi hanno rilevato
ascendenza di tipo siberiano occidentale e centrale esclusivamente in una frazione degli individui Na-Dene di oggi, ma non in altri nativi americani. I nostri risultati sono coerenti con un flusso genico dai paleo-eschimesi negli antenati Primi Americani dei Na-Dene, e successivamente un mescolamento meno ampio bidirezionale tra Na-Dene e Neo-Eschimesi.
Il flusso genico datato dalla Siberia ai Na-Dene è in accordo con la macrofamiglia linguistica dene-ienisseiana proposta e con la successione di culture archeologiche in Siberia.

Ricavo dal testo che i risultati sono consistenti con un flusso genico dai paleo-eschimesi Saqquaq esclusivamente negli antenati First American dei Na-Dene pari al 19-25%. Successivamente c’è stato un flusso minore bidirezionale fra le due popolazioni con il quantitativo minore nei Saqquaq. Inoltre, un influsso del 16% risulta nei gruppi etnici Chipewyans e Nord Athabaska usando un metodo grafico admixture.

Gli autori prendono in considerazione la cultura Syalakh che fiorì in gran parte della Siberia nord-orientale fra i 6500 e i 5200 anni fa dovuta a migranti dall’area TranBaikal (vedere mappa).

La cultura Bel’kachi (5200-4100 anni fa) si sviluppò dalla Syalakh lungo i fiumi siberiani Lena e Aldan e gli autori dicono che un gruppo potrebbe avere attraversato lo stretto di Bering raggiungendo l’Alaska 4800 anni fa dando origine ai paleo-eschimesi. Quindi i Syalakh potrebbero essere la popolazione fantasma originaria fonte di questa componente siberiana centro-occidentale di cui si parla nell’astratto.

Le lingue ienisseiane sono localizzate oggi a nordovest del lago Baikal dopo una drastica riduzione areale nei tre secoli (mappa) scorsi e si pensa che l’ipotetica famiglia dene-ienisseiana un volta fosse ampiamente diffusa in Siberia centrale e meridionale.

D’altra parte forse non è scritto in pietra che la protolingua dene-ienisseiana fosse dalle parti della Siberia meridionale presso lago Baikal, 8000-10.000 anni fa. Con tutti i dubbi del caso sul metodo tipologico usato e alcune datazioni utilizzate, un altro studio (1 e 2), che cito in questo post del 2014 su mammut e lingue ienisseiane, propone una radiazione della famiglia linguistica dene-ienisseiana da più ad oriente e forse addirittura dalla Beringia.

La continuità geografica della proposta famiglia Dene-ienisseiana fu interrotta dalla diffusione di altre lingue, per esempio dall’eschimo-aleutine e altre come qualcuna dell’ipotetica famiglia Uralo-Siberiana.

Tornando alla diffusione in America, secondo il paper il successo dei paleo-eschimesi può essere dovuto in parte all’uso dell’arco che risulta sconosciuto prima del loro arrivo e quella gente si diffuse fino al Labrador sull’Atlantico e alla Groenlandia. Furono poi soppiantati dagli antenati degli Inuit, i Thule.
Per altre informazioni sul popolamento delle americhe vedere i seguenti post: Link1, Link2, Link3.

°°°°°°

Componente ANE negli amerindi
Per quanto riguarda tutti gli amerindi, c’è un’analisi di mescolanza con 7 componenti sviluppato da un blogger che sembra usare come popolazioni di riferimento più o meno quelle esistenti nel mesolitico: AG3-MA1 (rappresentante la componente ANE, “Ancient North Eurasian”), Andamanese, Oceaniano, Sud-est asiatco, Sub-sahariano, Villabruna (cacciatori- foraggiatori occidentali WHG), Basal-rich (che da quello che ricordo è un ibrido fra Basale Eurasiatco e tipo-WHG, mancando un BE puro).
An
alizzando tre individui di epoche e regioni americane diverse, Anzick associato alla cultura Clovis, Uomo di Kennewick e
karitiana HGDP00999 (Amazzonia) ottiene valori simili per tutti tre: gli amerindi risultano completamente o quasi da una mescolanza di ANE e Sud-est asiatico, circa il 45% e 55% rispettivamente (3). La presenza di Ane si rivela anche in campioni antichi da presso il fiume Amur con un 17% e quasi tutto il resto sude-est asiatico, simili agli ulchi odierni secondo il blogger (4).

Scorrendo i dati, osservo che col passare del tempo c’è una diminuzione di circa un 1,5% di ANE nei campioni ed un aumento di di Andamanese in Karitiana, di più in Kennewick e ancora di più in campioni Amur. Si tratta di incrementi di decimi di punto percentuale. È rumore oppure, visto il trend, è indice di movimenti di popolazioni lungo il perimetro del pacifico? Si era anche suggerito ciò per l’uomo di Kennewick. Ricordo uno studio di poco tempo fa che aveva trovato un 2% di Australsiatico nei Karitiana (5 e post).

  1. Linguistic Phylogenies Support Back-Migration fromBeringia to Asia – Mark A. Sicoli, Gary Holton – PLOS One – DOI:10.1371/journal.pone.0091722
  2. Dene-Yeniseian Language Family: Evidence for a Back-Migration to the Old World? – August 24, 2012 – by German Dziebel – Link
  3. Amerindians in space and time – September 6, 2016 – Eurogenes Blog – Link
  4. ISBA7 PalaeoBarn abstracts – September 13, 2016 – Eurogenes Blog – Link
  5. Genetic studies link indigenous peoples in the Amazon and Australasia – Date: July 21, 2015 – sciencedaily.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il settembre 16, 2016 da con tag , , , , , , , .

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: