Sol Invictus

Sotto il Sole

Alimentazione e declino demografico dei Neanderthal – catabolismo dei lipidi negli europei

Aggiornato il 04/09/2016
Cannibalismo e acqua bollente

Neandertal cannibalism and Neandertal bones used as tools in Northern Europe – Hélène Rougier et al. – 2016 – nature.com – doi:10.1038/srep29005

Dall’astratto, traduzione libera:
quasi 150 anni dopo la prima identificazione di materiale scheletrico Neandertal, le capacità cognitive e simboliche di queste popolazioni rimangono un argomento di intenso dibattito. I ricercatori presentano 99 nuovi resti di Neandertal dalla grotta Troisième di Goyet (Belgio) datati a 40,500-45,500 calBP. I resti sono stati identificati attraverso uno studio multidisciplinare che combina morfometria, tafonomia, isotopi stabili, datazione al radiocarbonio e analisi genetiche. Le ossa Neandertal di Goyet mostrano modificazioni antropiche distintive, che forniscono una chiara evidenza di attività di macellazione, nonché quattro ossa siano state utilizzate per ritoccare strumenti di pietra. Oltre ad essere il primo sito di avere più ossa di Neandertal utilizzate come ritoccatori, Goyet non solo fornisce la prima prova inequivocabile di cannibalismo Neandertal nel Nord Europa, ma evidenzia anche una notevole diversità nel comportamento mortuario tra tarde popolazione Neandertal della regione nel periodo che precede immediatamente la loro scomparsa.
(Articolo 1).

°°°

Usavano acqua bollente?
Il sito archeologico di Abric Romaní in Catalogna è un riparo roccioso che ha fornito una messe di circa 10.000 resti fra cui molti focolari e fossili di oggetti lignei. È stata trovata una vaschetta scavato nel suolo di 40x30x10 cm circondata da focolari che si pensa che venisse usata per contenere acqua e riscaldarla con pietre arroventate o addirittura per bollirci dentro cibo quale la carne, forse all’interno di sacchi pelli o contenitori di corteccia d’albero (2).

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

 
Consumo di alimenti vegetali

Microfossils in calculus demonstrate consumption of plants and cooked foods in Neanderthal diets (Shanidar III, Iraq; Spy I and II, Belgium) – Amanda G. Henry et al. – 2010, doi:10.1073/pnas.1016868108

Dall’astratto, traduzione libera:
la natura e le cause della scomparsa di Neanderthal e la loro apparente sostituzione con esseri umani moderni sono argomenti di notevole dibattito. Molti ricercatori hanno proposto differenze dietetiche mediate biologicamente o tecnologicamente tra i due gruppi come una delle cause fondamentali della scomparsa dei Neanderthal. Alcuni scenari sono concentrati sulla apparente mancanza di alimenti vegetali nella dieta Neanderthal. Qui gli studiosi riportano una prova diretta del consumo da parte dei Neanderthal di una varietà di cibi vegetali, in forma di fitoliti e granuli di amido recuperati dal tartaro da scheletri di Neanderthal da Shanidar, Iraq, e Spy Cave, Belgio. Alcune delle piante sono tipiche delle recenti diete umane moderne, tra cui palme da dattero (Phoenix spp.), legumi e semi d’erba (Triticeae), mentre altre sono note per essere commestibili, ma non sono molto utilizzate oggi. Molti degli amidi dei seme d’erba ha mostrato danni che sono un marcatore distintivo di cottura. I risultati indicano che in entrambi i climi, caldo del Mediterraneo orientale e quello freddo europeo nord-occidentale, e in tutta la loro estensione latitudinale, i Neanderthal fecero uso degli alimenti vegetali diversi disponibili nel loro ambiente locale e li trasformarono in alimenti più facilmente digeribili in parte attraverso la loro cottura, suggerendo un sofisticazione complessiva nei regimi dietetici Neanderthal.

°°°

Neanderthal medics? Evidence for food, cooking, and medicinal plants entrapped in dental calculus – Hardy, K., Buckley, S., Collins, M.J. et al. Naturwissenschaften (2012) 99: 617. doi:10.1007/s00114-012-0942-0 – Link

Dall’astratto, traduzione libera:
i Neanderthal scomparvero tra 30.000 e 24.000 anni fa. Fino a poco tempo, gli uomini di Neanderthal sono stati creduti essere stato prevalentemente mangiatori di carne; tuttavia, un crescente corpo di evidenza suggerisce che la loro dieta includeva anche le piante. Qui sono presentati i risultati di uno studio, in cui il desorbimento-gas cromatografia-spettrometria di massa sequenziale termica (TD-GC-MS) e la pirolisi-gas cromatografia-spettrometria di massa (Py-GC-MS) sono stati combinati con l’analisi morfologica dei microfossili vegetali, per identificare il materiale intrappolato nel tartaro di 5 individui di Neanderthal dal sito spagnolo settentrionale di El Sidrón. I risultati forniscono la prima prova molecolare di inalazione di fumo di legna e bitume o scisti bituminosi e l’ingestione di una gamma di alimenti vegetali cotti. Si mostra anche la prima prova dell‘uso di piante medicinali da parte un individuo di Neanderthal. L’utilizzo varia di piante che abbiamo identificato suggerisce che gli occupanti Neanderthal di El Sidrón avevano una conoscenza sofisticata del loro ambiente naturale che includevano la capacità di selezionare e utilizzare alcune piante.
(articolo 3)

°°°

marcatori fecali nei coproliti:
The Neanderthal Meal: A New Perspective Using Faecal Biomarkers
– Ainara Sistiaga et al. – June 25, 2014 – PLOS ONE – http://dx.doi.org/10.1371/journal.pone.0101045

Dall’astratto, traduzione libera:
L’analisi dei cinque campioni di sedimento di diversi piani di occupazione suggerisce che i Neanderthal consumavano prevalentemente carne, come indicato dalle proporzioni elevate coprostanolo, ma aveva anche significativo apporto pianta, come dimostra la presenza di 5β-stigmastanolo…

°°°

Isotopic evidence for dietary ecology of late Neandertals in North-Western Europe – Christoph Wißing et al. – Quaternary International – online 15 December 2015 http://dx.doi.org/10.1016/j.quaint.2015.09.091

Dall’astratto, traduzione libera:
i ricercatori riportano qui le prove isotopiche dirette delle diete dei Neanderthal e dei primi umani moderni in Europa. I metodi isotopici indicano le fonti di proteine nella dieta per molti anni di vita, e dimostrano che i Neanderthal ebbero una dieta simile nel tempo (≈120,000 di ≈37,000 cal. BP – before present, anni fa) e in diverse regioni d’Europa. Le prove isotopiche indicano che in tutti i casi gli uomini di Neanderthal erano carnivori del livello più alto e ottenevano tutte, o la maggior parte, delle loro proteine alimentari da grandi erbivori. Al contrario, i primi esseri umani moderni (≈40,000 a ≈27,000 cal BP) mostrano una più ampia gamma di valori isotopici, e un certo numero di individui presentano l’evidenza del consumo di risorse acquatiche (marine e d’acqua dolce). Questo modello comprende Oase 1, il più antico umano moderno in Europa datato direttamente (≈40,000 cal BP) con il più alto valore di isotopi di azoto di tutti gli esseri umani studiati, probabilmente a causa del consumo di pesce d’acqua dolce. Siccome Oase 1 è stato vicino nel tempo agli ultimi uomini di Neanderthal, questi dati possono indicano un significativo cambiamento nella dieta associata ai cambiamenti nelle dinamiche di popolazione dell’avvento umano moderno in Europa.

I Neanderthal non consumavano risorse acquatiche in quantità significativa stando ai risultati. Erano simili isotopicamente ai carnivori della loro area. La loro dieta era circa 80% carne di animali terrestri e 20% vegetali (4).

°°°

Però c’è uno studio che propone un’origine diversa di almeno parte del cibo vegetale le cui tracce sono state trovate nei resti di Neanderthal:

Having the stomach for it: a contribution to Neanderthal diets? – Laura T. Buck, Chris B. Stringer – Journal of Quaternary Science · July 2014 with 354 Reads – DOI:http://dx.doi.org/10.1016/j.quascirev.2013.09.003

Dall’astratto, traduzione libera:
grazie alla posizione centrale della dieta nel determinare ecologia e comportamento, gran parte della ricerca è stata dedicata a scoprire strategie di sussistenza Neanderthal. Questo ha incluso studi indiretti inferenti la dieta dalla ricostruzione dell’habitat, analogia etnografica o associazioni faunistiche e metodi diretti, come l’usura dentale e le analisi isotopiche. Recentemente, studi di tartaro hanno fornito un’altra fonte ricca di elementi di prova dietetica, con molto potenziale. Uno dei risultati più interessanti dalle analisi del calcolo finora è il suggerimento che i Neanderthal potrebbe essere stato mangiato piante pregiate non nutrizionalmente per motivi di medicinali. Qui i ricercatori offrono un’ipotesi alternativa per la presenza di piante non alimentari nel calcolo Neanderthal sulla base della letteratura etnografica umano moderno: il consumo del contenuto dello stomaco di erbivori.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Igiene e malattie orali

Toothpicking and Periodontal Disease in a Neanderthal Specimen from Cova Foradà Site (Valencia, Spain). – Lozano M. et al. – PLoS ONE 8(10): e76852. – doi:10.1371/journal.pone.0076852

Dall’astratto, traduzione libera:
gli autori presentano una mascella di Neanderthal (CF-1) da Cova sito Forada (Oliva, Valencia, Spagna) con malattia parodontale e l’evidenza di tentativi di alleviare il dolore con l’uso di uno stuzzicadenti. Due solchi interdentali sono stati trovati sulle superfici distali del Pm superiore di sinistra e M1 o CF-1 mascellare. La posizione, la morfologia e la dimensione delle scanalature coincidono con altre scanalature interprossimali trovate su denti di altri esemplari fossili. L’usura dentale notevole e la malattia parodontale avrebbero causato dolore e disagio al Neandethal di Cova Forada, che l’individuo tentò di mitigare utilizzando qualche tipo di sonda dentale.
Questo e un altro paper simile sono descritti in articolo (5).

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Declino demografico ed eredità del catabolismo dei lipidi

Leave at the height of the party: A critical review of the Middle Paleolithic in Western Central Europe from its beginnings to its rapid decline. – Jürgen Richter – Quaternary International, 2016; DOI: 10.1016/j.quaint.2016.01.018 – Link

Dall’astratto traduzione libera:
il Paleolitico medio tedesco è segnato da due fasi con abbondanti siti archeologici: dell’Eemiano interglaciale (MIS 5e) e il Weichseliano interpleniglaciale (MIS 3). D’altra parte, diverse fasi erano apparentemente prive di qualsiasi popolazione umana (seconda metà del MIS 6 e MIS 4) e due periodi lunghi (MIS 8-6 e MIS 5d-5a) hanno consegnato pochi siti archeologici, finora. La maggior parte di tutti gli assemblaggi sembrano appartenere all’ultima parte del Medio Paleolitico, durante la prima metà del MIS 3. Per quanto riguarda questo periodo, il complesso stratigrafico dello strato G ( “G-Komplex”) di Sesselfelsgrotte ha prodotto la più lunga sequenza culturale delle industrie unifacciale-più-bifacciale (Keilmessergruppen, micocchiano nel senso di un “Musteriano con un’opzione micocchiana”, MMO) del tardo Medio Paleolitico in Europa centrale. Informazioni da questa sequenza hanno permesso una riconsiderazione della struttura interna e la datazione del MMO. La prova è presentata per una fase MMO precedente con quasi nessuna tecnologia Levallois (MMO-A) e una fase successiva (MMO-B) con tecnologia Levallois, che si verificano ambedue alla fine del medio Paleolitico europeo, tra 60.000 e 43.000 (cal.) anni fa. La stragrande maggioranza di tutti i siti del Paleolitico Medio in Germania appartengono alla MMO-B che fu, nel sud della Germania, rapidamente seguito dal Paleolitico superiore Aurignaziano da 42 ka (cal.) anni fa in poi senza alcun intermezzo proto-Aurignaziano.

Secondo il paper in Europa centro-occidentale ci fu un rapido declino demografico dei Neanderthal nell’arco di un migliaio di anni circa 42-43.000 anni fa (6).

°°°

Neanderthal ancestry drives evolution of lipid catabolism in contemporary Europeans – Ekaterina E. Khrameeva et al. – Nature Communications 5, (2014) – Doi:10.1038/ncomms4584

Dall’astratto, traduzione libera:
anche se gli uomini di Neanderthal sono estinti, frammenti di loro genomi persistono negli esseri umani contemporanei. Qui i ricercatori mostrano che, mentre a livello genoma la frequenza di siti simil-neandertaliani è approssimativamente costante in tutte le popolazioni contemporanee out-of-Africa, i geni coinvolti nel catabolismo dei lipidi contengono un numero tre volte superiore di tali siti negli esseri umani contemporanei di discendenza europea. Evolutivamente, questi geni mostrano una significativa associazione con i segni di selezione positiva recente nelle popolazioni contemporanee europee, ma non in quelle asiatiche e africane. Funzionalmente, l’eccesso di siti simil-neandertaliani nei geni per il catabolismo lipidico può essere collegato ad una maggiore divergenza nelle concentrazioni di lipidi e dei livelli di espressione degli enzimi all’interno di questa via, path-way, trovata negli europei contemporanei, ma non nelle altre popolazioni. Concludono che le varianti di sequenza che si sono evoluti nei Neanderthal potrebbero aver dato un vantaggio selettivo ad umani anatomicamente moderni che si sono insediati nelle stesse aree geografiche.
Articolo (7)

  1. Il cannibalismo dei Neanderthal – lescienze.it – 1 luglio 2016
  2. Neanderthals liked their creature comforts too! Spanish cave suggests ancient man had HOT WATER and bedrooms – By Sarah Griffiths – 28 August 2015 – dailymail.co.uk
  3. La dieta (diversificata) creò l’uomo – Telmo Pievani – Il Club de La Lettura – corriere .it
  4. Neanderthals diet: 80% meat, 20% vegetables – March 14, 2016 – ScienceDaily – Link
  5. Neanderthal Table Manners: They Used Toothpicks, Too – By Megan Gannon, Live Science Contributor | April 14, 2016 – livescience.com
  6. Sudden extinction of Neanderthals followed population peak – July 26, 2016 – phys.org
  7. Troppa ciccia? Forse è colpa dei Neanderthal -| Chiara Palmerini – 18 Aprile 2014 – focus.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il settembre 3, 2016 da con tag , , , , , , , , , .

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: