Sol Invictus

Sotto il Sole

Religiosità e malattie mentali

Per alcuni una credenza religiosa è una cosa normale mentre per degli studiosi non si deve considerare una malattia mentale, ma un delirio (delusion, in inglese) e la predisposizione ha un’ereditabilità del 40-50% secondo delle stime (articolo di Wikipedia). Però mi è capitato di leggere che c’è chi ironizza su tutto questo cavillare e pensa che si ricorra a contorsioni logiche per correttezza politica. D’altra parte non è necessario avere a che fare con i religiosi bombaroli che oggi vanno di moda per aver l’idea che a volte qualcosa non quadra. Dice un saggio: “Quando una persona soffre di deliri, si parla di malattia. Quando molte persone soffrono di deliri, è chiamata religione” (1, traduzione libera).

Uno studio del 2009 trovò una correlazione fra delirio religioso e instabilità temporale-limbica che sarebbe una condizione in cui irregolarità del sistema limbico possono apparire come sintomi di schizofrenia paranoide.
A volte dei medici hanno esaminato con la risonanza magnetica qualche individuo contemporaneo che diceva di avere allucinazioni religiose e hanno scoperto che soffre di epilessia (1).
Proprio grazie a questi riscontri un paio di ricercatori hanno dedotto che Giovanna d’Arco potrebbe avere sofferto di una forma di epilessia detta “idiopathic partial epilepsy with auditory features” (IPEAF) (2). Colpisce una parte del cervello responsabile dell’udito situata nel lobo temporale con allucinazioni uditive e talvolta visioni. Una critica a tale tentativo di diagnosi è che solitamente le crisi non sono frequenti in persone con IPEAF anche se l’assunzione di alcune sostanze può aumentarne la frequenza. I ricercatori comunque sottolineano che sarebbe bene ritrovare qualche campione biologico della santa, come per esempio dei capelli, per fare un’analisi e verificare una predisposizione genetica.

Lepilessia, una volta nota come malattia sacra, p essere la conseguenza di un trauma cerebrale. Si riporta il caso di una religiosa protestante, Ellen G White, una fondatrice e profetessa della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno: all’età di nove anni ebbe un trauma alla testa in seguita d un brutta caduta che la fece rimanere in uno stato di semicoscienza per settimane dopo di che non tornò più a scuola (3). Dopo il trauma divenne molto religiosa e moralistica e per la prima volte ebbe visioni che finirono con l’essere centinaia. Il neurologo pensa che sviluppò epilessia del lobo temporale, come nella diagnosi per G. D’Arco. Come sempre c’è chi esprime un parere contrario: un professionista di religione avventista dice che le visioni erano troppo lunghe per essere dovute ad epilessia.
Nello stesso articolo si parla di un paziente, ateo confermato, che a 43 anni ebbe visioni a carattere religioso a causa degli attacchi epilettici, sempre del lobo temporale, a cui era soggetto (3).

Che il lobo temporale sia il “lobo di Dio”?
San Paolo è frequentemente citato come possibile candidato malato di epilessia temporale, TLE (4 e 5). Si narra che fu avvolto da una luce che altri videro (sarà vero?), cadde ed ebbe un’esperienza mistica e rimase cieco per del tempo. Oppure forse soffrì per un colpo di sole o sfinimento da disidratazione, conseguente caduta con trauma alla testa ed esperienza religiosa e cecità successiva? Se non ne soffriva prima, è possibile che finì con crisi epilettiche da trauma che lo aiutarono nella fede e a comunicare con l’aldilà.
La stessa malattia TLE viene proposta per Maometto, saliva sulla guancia inclusa, secondo un articolo (6 e 7).

Negli ultimi decenni diversi ricercatore hanno condotto esperimenti per cercare di riprodurre tali esperienze alterando le funzioni cerebrali con campi magnetici. C’è anche chi sostiene che individui molto sensibili risentano di fluttuazioni del campo magnetico terrestre. Un ricercatore mise a punto il famoso casco di Dio che crea deboli campi magnetici, per studiarne gli effetti sui lobi temporali. Secondo Persinger l’80% dei suoi soggetti ebbero la sensazioni che ci fosse una presenza estranea nell’ambiente. Altri ricercatori a volte sono riusciti a replicare in qualche maniera l’esperimento, a volte no. Il casco non ebbe effetto sul noto scienziato ateo Dawkins. C’è chi parla di suggestione all’opera invece che di effetti magnetici.

Un’alterazione è stata notata nelle risonanze magnetiche di persone in preghiera come per esempio delle suore, probabilmente più predisposte a tali esperienze (unio mystica) . I ricercatori hanno visto un aumento di attività nel sistema limbico ed un abbassamento dell’attività parietale che provoca l’esperienza mistica con perdita dell’orientamento spazio/tempo e conseguente sensazione di comunione con l’universo (8).
Si è visto come alcune malattie come il Parkinson con l’aggravarsi possono causare una riduzione di alcuni aspetti della religiosità del paziente. La malattia presenta una diminuzione della dopamina e un ricercatore sospetta che l’effetto sulla religiosità sia dovuta ad alterazioni dell’attività di detto neurotrasmettitore nei lobi prefrontali (8).

Una cosa considerata interessante è che fra le persone che sembrano non trarre benefici da preghiere ci sono coloro che hanno attraversato momenti di crisi spirituale come gli appartenenti a movimenti come i born again christians, i cristiani rinati che statisticamente presentano atrofia dell’ippocampo. Un’atrofia maggiore è stata trovata anche in cattolici e non affiliati rispetto ai protestanti non born-angain.  Secondo un’ipotesi, la causa sarebbe lo stress religioso sofferto prima di “rinascere” e dai memebri di altri gruppi forse più costretti a regimazione; tale atrofia solitamente si trova associata a depressione e Alzheimer oltre ad essere frequente nelle persone con forte affiliazione religiosa (8 e 9). Si osserva però che l’ipotesi non regge bene e viene suggerito che invece che essere il cambiamento o rinnovo religioso la causa dell’atrofia, è la religione che diventa un rifugio per queste persone soggette a stress e depressione. La religione funge in questo caso quindi da stampella e offre uno scopo a persone potenzialmente instabili. In un video un esorcista dice di non avere mai incontrato un demone e di avere avuto a che fare con persone con problemi personali e da consolare (10).
Una possibile conferma viene da una ricerca in cui si osservò che le persone con una visone spirituale della vita sono più soggette a disturbi mentali in assenza di un inquadramento religioso (11). Qualche studio riporta una vita media più lunga di coloro che frequentano le chiese forse dovuta al network sociale e all’effetto placebo (
post).
Aggiungo che uno studio del 2003 notò dimensioni ridotte dell’amigdala e anche dell’ippocampo in malati bipolari. In Wikipedia si afferma che la TLE può cominciare quando si verifica una lesione molto precoce all’ippocampo che causa morte neuronale. Lo stesso articolo cita uno studio contrario del 2012 che suggeriva che non è probabile la spiegazione di epilessia del lobo temporale per le esperienze di rivelazione di antiche figure religiose prominenti a causa per esempio dell’assenza di amnesia nei profeti. Ma chi ha detto che tutti i soggetti a TLE hanno gli stessi sintomi e che a volte i profeti non facevano finta per ottenere quello che volevano (4)? Altrimenti ci sarebbero milioni di profeti nel mondo visto che nei soli USA ogni anno ci sono 150.000 nuovi casi di epilessia di cui una buona percentuale TLE (12).

Capelli rossi
C’è un legame fra capelli rossi e fanatismo religioso? Qualche anno fa dei giornalisti hanno classificato cromaticamente i britannici convertiti all’islam radicale e apparsi nei media. Hanno ottenuto un paio di dati da campioni diversi ed è risultato che circa il 70% sono rossi. Una notevole percentuale delle donne riportate dai media sono risultate rosse prima di convertirsi all’estremismo islamico e poi a volte tingersi i capelli (13). A quanto pare era cosa nota da tempo, ma non se ne parla molto per correttezza politica. Il giornale cita think tank religiosi musulmani, membri della polizia e organizzazioni varie che avevano notato la cosa. Insomma, ad un esame superficiale pare esserci una predisposizione all’estremismo dei rossi , almeno nel Regno Unito. C’è chi pensa che sia dovuto al frequente bullismo nei loro confronti quando sono giovanissimi.
Però l’articolo ricorda quanto ho descritto in qualche post e cioè che i rossi hanno una sensibilità diversa ad alcuni tipi di dolore, sembrano più soggetti a raffreddori e così via. Quindi si sospetta che ci possa essere predisposizione genetica verso certe forme di religiosità. Da notare che popolarmente in alcuni paesi i rossi sono spesso descritti come teste calde anche se potrebbe essere uno stereotipo alimentato dal colore vivo della chioma.
Potrebbe giocare un piccolo ruolo
anche una possibile differenza di QI dei rossi rispetto agli altri riscontrata da uno studio fatto con sondaggi che andrà verificato (post). Ciò può portare un numero maggiore di rossi ad aderire a credi più radicali. I dati ricavati da alcune analisi mostrano che i fondamentalisti religiosi tendono ad avere un QI mediamente più basso (post).

Circoncisione
Per quanto riguarda l’atrofia di parti cerebrali e collegamenti con la religiosità, studiando un neonato in seguito all’allarme dagli infermieri preoccupati dai cambiamenti a volte permanenti che notavano nei neonati, un medico ricercatore osservò che la circoncisione senza anestesia causa cambiamenti probabilmente permanenti nel sistema limbico, soprattutto nell’amigdala e nei lobi temporali e frontali (14). Molte ricerche hanno evidenziato conseguenze serie a causa di traumi neonatali e maggiori frequenze di problemi psicologici in persone circoncise (post su circoncisione). Che la circoncisione sia diventato tanto tempo fa un’operazione per danneggiare cerebralmente i neonati maschi e renderli più religiosi praticanti? Per questo motivo tale pratica è così difesa da alcune religioni che forse perderebbero parte dei loro fervidi credenti manipolabili se l’abbandonassero?

  1. When one person suffers from a delusion, it is called insanity...” – Citazione da Robert M. Pirsig – thirdworldtraveler.com – tratte insieme ad altre dal libro: The God Delusion – by Richard Dawkins – Houghton Mifflin, 2006, paperback
  2. What Really Caused the Voices in Joan of Arc’s Head? – Human Aug 1, 2016 – seeker.com
  3. God on the Brain – By Liz Tucker – 20 March, 2003 – news.bbc.co.uk 
  4. St Paul and temporal lobe epilepsy. – D Landsborough – J Neurol Neurosurg Psychiatry. 1987 – Link
  5. Saint Paul’s famous revelation may have been ‘caused by epileptic fit’, say scientists – Alexandra Sims – Tuesday 31 May 2016 – independent.co.uk
  6. Muhammad and Temporal Lobe Epilepsy (TLE) – By Ali Sina – Link
  7. Was Muhammad an Epileptic? – By F. W. Burleigh – May 11, 2015 – americanthinker.com
  8. What God does to your brain – By Julia Llewellyn Smith – 20 Jun 2014 telegraph.co.uk
  9. Religious Experiences Shrink Part of the Brain – By Andrew Newberg on May 31, 2011 – scientificamerican.com
  10. Esorcismo, dalle pratiche ufficiali ai ciarlatani. Padre Zoia: “In più di 25 anni mai incontrato un indemoniato”tv.ilfattoquotidiano.it – 4 agosto 2016 | di Andrea Federica De Cesco e Federica Scutari
  11. Religion, spirituality and mental health: results from a national study of English households.Br J Psychiatry. 2013 Michael King et al. – DOI:10.1192/bjp.bp.112.112003
  12. A Review of the Epidemiology of Temporal Lobe Epilepsy – Jose F. Téllez-Zenteno and Lizbeth Hernández-Ronquillo – 2012 – http://dx.doi.org/10.1155/2012/630853
  13. Ginger Jihadis: Why Redheads are Attracted to Radical Islam – by Milo Yiannopoulos and Jeremy Wilson – 9 Sep 2014 -breitbart.com
  14. Circumcision Permanently Alters the Brain – Paul D. Tinari, Ph.D – circumcision.org

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il agosto 20, 2016 da con tag , , , , , , , , .

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: