Sol Invictus

Sotto il Sole

Miopia, intelligenza e prevenzione

Investigation of the Relationship between Myopia and Intelligence in a Sample of Undergraduate Students – Michael P. Kelley – Online December 2011 – DOI:10.4236/nm.2011.24041

Dall’astratto, traduzione libera:
In un campione di studenti universitari la miopia è stata associata a punteggi SAT più alti per la matematica e SAT totale, e i maschi avevano punteggi più alti di matematica e SAT totale rispetto alle femmine. L’associazione tra miopia e punteggi più alti in matematica e SAT totale è stato significativa solo per i maschi.
Le differenze fra i generi nei punteggi di matematica e Total SAT sono state significative solo tra i partecipanti allergici. C’erano anche associazioni significative tra etnicità e ambedue miopia e punteggi SAT, ma l’analisi con regressione ha rivelato che etnia, genere,
e miopia hanno dato contributi indipendenti importanti ai punteggi SAT in matematica. I risultati forniscono un supporto alla teoria sulla miopia e crescita del cervello di Storfer.

Dal paper: c’era un maggiore prevalenza della miopia nelle femmine che nei maschi, e questo è stato particolarmente marcato tra i partecipanti con punteggi SAT più elevati nella parte verbale e più bassi in matematica. Fra i maschi con i punteggi più alti per la matematica la prevalenza di miopia aumenta sensibilmente, riducendo la differenza fra i sessi nella miopia.
Una debolezza metodologica di questo studio è stato l’uso di un questionario self-report per valutare la presenza o assenza di miopia. La validità di tale metodo non è stata accertata.

°°°°°°

Some bodily and medical correlates of mathematical giftedness and commensurate levels of socioeconomic status. – Lubinski, David; Humphreys, Lloyd G. – Intelligence, Vol 16(1), Jan-Mar 1992, 99-115. http://dx.doi.org/10.1016/0160-2896(92)90027-OPDF

Dall’astratto, traduzione libera:
Sono stati usati due gruppi di studenti matematicamente-dotati del 10° grado (più o meno seconda liceale, ndr) e 2 gruppi di studenti di ambienti privilegiati rappresentanti uno l’1% superiore di una misura standard di capacità quantitativa, e il secondo l’1% superiore di un indice convenzionale di status socio-economico (SES). Questi gruppi sono stati confrontati tra di loro per sesso, e e paragonati alle loro coorti normative gender-equivalenti per 43 indici di salute e benessere fisico (MPWB). Anche se i livelli più elevati di salute fisica sono stati trovati in entrambi i gruppi di mat-dotati e privilegiati (relativamente alla norma), il MPWB è stato associato più fortemente con l’abilità matematica che con livelli estremi di privilegio socio-economico. I risultati confermano che la gamma nomotetica (network di correlati) d’intelligenza generale permea una varietà di domini non intellettuali importanti e apprezzati.

Nel capitolo “Visual Problems” a pagina 107 di questo paper si sottolinea come per gli elementi 248 e 249 della tabella 1 si possono dedurre le percentuali di persone che trovano necessario portare sempre gli occhiali e hanno problemi di vista a distanza: fra i matematicamente-dotati sono circa 1,5-2 volte la norma. Si osserva che per questi valori gli individui privilegiati sono molto più vicini alla norma che ai mat-dotati,che interpreto come un possibile indicatore di causa genetica comune monte per i mat-dotati; la differenza fra questi ultimi e la norma è fra le più grandi della tabella.

°°°°°°

IQ and the Association with Myopia in Children – Seang-Mei Saw et al. – Investigative Ophthalmology & Visual Science September 2004, doi:10.1167/iovs.03-1296

Dall’astratto, traduzione libera:
Sono stati raccolti dati sulla refrazione cicloplegica e parametri biometrici oculari da 1204 bambini cinesi di età compresa tra 10 e 12 anni provenienti da tre scuole che partecipavano al Singapore Cohort Study Of the Risk Factors for Myopia (SCORM). Il quoziente di intelligenza (QI) è stata valutato utilizzando il test non verbale a Matrici Progressive Standard di Raven.
Risultati. Dopo aggiustamenti per età, sesso, scuola, la miopia dei genitori, l’educazione del padre, e libri letti a settimana, la miopia (equivalente sferico [SE]) di almeno -0.5 D è stata associata ad alto QI non verbale (quartile più alto) rispetto al quoziente intellettivo basso (più basso quartile) (odds ratio = 2,4; 95% intervallo di confidenza, 1,7-3,4). Controllati per gli stessi fattori, i bambini con più alti punteggi di QI non verbale avevano rifrazioni significativamente più miopi (-1,86 D per i bambini con QI non verbale nel quartile più alto rispetto a -1,24 D per i bambini con QI non verbale nel quartile più basso; p = 0,002) e valeva anche per le lunghezze assiali (24.06 mm contro 23,80 millimetri; P = 0.022). Il QI non verbale rappresentava una percentuale maggiore della varianza della rifrazione rispetto ai libri-letti-a-settimana.
Il QI non verbale può essere un fattore di rischio indipendente di miopia, e questo rapporto non può essere spiegato solo da un aumento di lettura (libri a settimana) tra i miopi. È interessante osservare che il QI non verbale può essere un fattore di rischio più forte per la miopia rispetto ai libri letti a settimana. La complessità dei rapporti tra QI non verbale, la lettura, e garantisce la miopia ulteriori studi per chiarire qualsiasi rapporto di causa-effetto

°°°°°°

Dai paper sopra concludo che risulta esserci un legame fra miopia e intelligenza e in particolare un legame con le capacità matematiche e spaziali, forse soprattutto per i maschi. Questo si riflette nei punteggi totali più alti in vari test. Ho letto che i miopi ottengono mediamente 7-8 punti di QI in più (1, pagina 220). In un paper riassuntivo si afferma che è stato trovato che nelle organizzazioni per individui ad alto QI il 33% dei maschi e 47% delle femmine soffrono precocemente di miopia già verso i 10 anni di età contro il 5% delle persone con QI normale e questo sembra indicare un effetto genetico o prenatale a monte (2).
Diverse fonti affermano che la spiegazione più semplice è un effetto pleiotropico di qualche gene sul cervello e sull’occhio [3; Miller (1992);
libro]. Storfer presenta un’idea più complessa (2).

°°°°°°

PREVENZIONE
Myopia, Lifestyle, and Schooling in Students of Chinese Ethnicity in Singapore and Sydney – Kathryn A. Rose et al. – Arch Ophthalmol. 2008 – doi:10.1001/archopht.126.4.527

Dall’astratto, traduzione libera:
La prevalenza della miopia in bambini di 6-7 anni di etnia cinese era significativamente più bassa a Sydney (3,3%) rispetto a Singapore (29,1%). Quelli a Sydney avevano trascorso più tempo in attività all’aria aperta (13.75 vs 3,05 ore a settimana).
Conclusioni:
la minore prevalenza della miopia a Sydney è stato associata ad un maggior numero di ore di attività all’aperto. I ricercatori ipotizzano che altri fattori che contribuiscono alle differenze nella prevalenza della miopia possono essere pressioni educative precoci che si riscontrano a Singapore ma non a Sydney.

°°°°°°

Effect of outdoor activity on myopia onset and progression in school-aged children in northeast china: the sujiatun eye care study – Ju-Xiang Jin et al.- BMC Ophthalmology201515:73 – DOI:10.1186/s12886-015-0052-9

Dall’astratto, traduzione libera:
Conclusioni: l’aumento di attività all’aperto previene l’inizio e lo sviluppo della miopia così come l’allungamento assiale e la pressione intraoculare (IOP) elevata nei bambini.

Questo paper conferma che l’attività all’aria aperta con molta luce aiuta a prevenire e ridurre la miopia. Lo studio però ha trovato anche che l’effetto di lunghi periodi di lettura di più di 30 minuti ha un effetto di magnitudine simile e contraria favorendo la miopia. Anche una distanza di lettura ravvicinata di < 30 cm aumenta la probabilità di miopia.

°°°°°°

In un’intervista k. Rose, l’autrice del paper del 2008 sopra  sull’effetto della luce ambientale, afferma che i risultati ottenuti sono stati confermati in una serie di altri studi negli Stati Uniti, Singapore e Cina (4). L’ipotesi che il meccanismo dell’effetto della luce è mediato dalla dopamina retinica, un noto inibitore della crescita dell’occhio il cui rilascio è stimolata dalla luce, è stata anche sostenuta da esperimenti animali. Tutti questi studi confermano un legame coerente tra il tempo trascorso all’aria aperta e la prevenzione della miopia, mediato dall’aumento di almeno dieci volte dei livelli di luce tra l’illuminazione di interni e quella esterna.

Una delle osservazioni degli studi condotti finora è che l’effetto della luce sulla prevenzione dello sviluppo della miopia può avere una soglia. Gli studi epidemiologici che hanno esaminato l’esposizione dei bambini a all’aperto hanno sempre trovato un effetto preventivo con 10-14 ore all’esterno a settimana in aggiunta alle ore trascorse all’aperto durante l’orario scolastico, mentre una quantità di 3-6 ore alla settimana non è stata associata ad alcun effetto (4).

Le differenze tra paesi/nazioni sembrano essere dovute a livelli elevati di miopia nei, paesi con notevole orientamento accademico e fortemente urbanizzati, con enfasi per i sistemi più competitivi d’istruzione. Nei paesi a latitudini elevate come quelli scandinavi non si nota una maggiore percentuale miopia.

  1. Intelligence, Second Edition 2nd Edition – by Nathan Brody – Publisher: Academic Press; 2 edition (April 3, 1992) – Language: English – Link
  2. A Novel Review of the Evidence Linking Myopia and High Intelligence – Ajai Verma, Abhishek Verma – http://dx.doi.org/10.1155/2015/271746
  3. Braisn and Ey Size, Myopia and Intelligence – Book Review of Storfer on Brain-Intelligence. – Edward M. Miller – Link
  4. New research an eye opener on cause of myopia – By Greg Hughes and Pauline Chiou – – June 1, 2011 – CNN – edition.cnn.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il maggio 30, 2016 da con tag , , , , , , , .

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: