Sol Invictus

Sotto il Sole

Alcuni studi recenti su genomi antichi dalla Cina

Aggiornato 11/09/2016

Ancient mitochondrial genome reveals trace of prehistoric migration in the east Pamir by pastoralists – Chao Ning et al. – Journal of Human Genetics advance online publication 29 October 2015; doi: 10.1038/jhg.2015.128

Dall’astratto, traduzione libera:
il genoma mitocondriale completo di un individuo di 700 anni fa trovato in Tashkurgan, Xinjiang, è stato sequenziato in modo da fare luce sulla storia della popolazione di quel luogo e determinare la relazione filogenetiche dell’aplogruppo U5a. Il campione è stato assegnato ad un subclade dell’aplogruppo U5a2a1, che è definito da due transversioni rare e stabili a 16114A e 13928C. L’analisi filogenetica mostra un modello di distribuzione per U5a2a che è indicativo di un’origine nella regione del Volga-Urali e presenta una chiara espansione geografica verso est che correla con la cultura pastorale penetrata anche nelle steppe eurasiatiche. L’U5a2a presente nell’individuo di Tashkurgan rivela una migrazione preistorica nel Pamir orientale di pastori. Questo studio dimostra che lo studio di un antico genoma mitocondriale è un approccio utile per studiare il processo evolutivo e la storia della popolazione del Pamir Orientale.

Non tutti i commentatori sono d’accordo che l’origine nel Volga-Urali sia così chiara (1).

°°°°°°

Analysis of ancient human mitochondrial DNA from the Xiaohe cemetery: insights into prehistoric population movements in the Tarim Basin, China – Chunxiang Li et al. – BMC Genetics 2015  16:78 – DOI: 10.1186/s12863-015-0237-5

Dall’astratto, traduzione libera:
contesto: il bacino del Tarim, nella Cina occidentale, noto per le sue mummie incredibilmente ben conservate, è stato per migliaia di anni un importante crocevia tra la parte orientale e occidentale dell’Eurasia. La sua preistoria è poco conosciuta nonostante la sua posizione centrale nelle comunicazioni e migrazioni, e i popoli molto diversi per lingue e culture. Per fare luce sull’origine delle popolazioni del bacino del Tarim, abbiamo analizzato polimorfismi del DNA mitocondriale in resti scheletrici umani scavati dal cimitero Xiaohe, utilizzato dalla comunità locale tra il 4000 e i 3500 anni prima del presente. Gli scheletri rappresentano possibilmente alcuni dei primi coloni .
Risultati: le persone Xiaohe portavano una vasta gamma di linee materne, tra cui le linee eurasiatiche occidentali H, K, U5, U7, U2e, T, R*, le linee eurasiatiche orientali B, C4, C5, D, G2a e la linea indiana M5.

Conclusioni: I nostri risultati indicano che la popolazione del bacino del Tarim del periodo considerato aveva una discendenza materna diversificata, con origini in Europa, Siberia centrale/orientale e Asia meridionale/occidentale. Questi risultati, insieme alle informazioni sul contesto culturale del cimitero Xiaohe, possono essere utilizzati per testare ipotesi contrastanti sugli arrivi ed insediamenti nel bacino del Tarim.

Un commentatore (2), esaminando i 36 aplogruppi mitocondriali dello studio, che non provengono dagli strati più antichi, osserva che 2/3 sono asiatici orientali e altri sono asiatici meridionali/occidentali. Solo 3 provengono dalle steppe/Siberia. Gli scheletri di strati più antichi furono esaminati in un precedente studio pubblicato nel 2010 (3) e gli aplogruppi mitocondriali sono anche in quel caso C4 in buona parte e quindi di origine asiatica orientale. Conseguentemente gli individui non paiono molto europei secondo il commentatore.

Il blogger del post osserva che l’anno scorso uno degli autori del paper a quanto pare ha lasciato un commento sotto il paper (3) scrivendo che i loro risultati mostrano che i coloni Xiaohe portavano Hg (aplogruppo ) R1a1 come linea paterna, e Hgs H, K, C4, M * come linee materne. Anche se R1a1a si trova a frequenze elevate sia in Europa che in Asia meridionale, gli R1a1a di Xiaohe provengono più probabilmente dall’Europa perché non appartengono al ramo R1a1a-Z93 ramo che si trova principalmente negli asiatici (secondo loro dati recenti non pubblicati) .
Ne ricavo che la popolazione dell’area era abbastanza mista anche se forse con una prevalenza di elemento di tipo occidentale e probabilmente di provenienza “europea” (alcune immagini di mummie trovate online).

°°°°°°
A Hominin Femur with Archaic Affinities from the Late Pleistocene of Southwest China – Darren Curnoe, Xueping Ji , Wu Liu, Zhende Bao, Paul S. C. Taçon, Liang Ren – Published: December 17, 2015 – DOI: 10.1371/journal.pone.0143332

Dall’astratto, traduzione libera:
vi si descrive e confronta un femore molto insolito da sedimenti tardo-pleistocenici a Maludong (Yunnan), Cina sud-occidentale, recuperato insieme a resti cranici che presentano un insieme di tratti arcaici e anatomicamente moderni. Gli studiosi dimostrano che il femore Maludong ha affinità con ominidi arcaici, in particolare i femori del Pleistocene inferiore. Tuttavia, la scarsità di resti arcaici successivi del medio e tardo Pleistocene in Asia orientale rende difficile una valutazione di carattere sistematicamente rilevante, richiedendo cautela nell’assegnare il campione ad una specie in questo momento. Il fossile Maludong è probabilmente un campione di una popolazione arcaica che sopravvisse fino a circa 14.000 anni fa nella regione biogeograficamente complessa della Cina sud-occidentale.

Qualcuno osserva che i risultati dello studio, potenzialmente di grande interesse, vanno soppesati perché il contesto archeologico non appare chiarissimo e non esclude che possa trattarsi di qualche improbabilità statistica. Si invoca un accertamento rigoroso. Comunque un commentatore sospetta che i ricercatori pensino a Denisova sopravvissuti fino a tempi recenti (4).

°°°°°°

The earliest unequivocally modern humans in southern China – Wu Liu et al. – Nature 526, 696–699 (29 October 2015) – doi: 10.1038/nature15696

Da parte del riassunto:
Dei ricercatori hanno esaminato 47 denti dalla caverna Fuyan in Daoxian, Cina meridionale, e li hanno datati a 80000-120000 anni fa e attribuiti a Homo sapiens più derivati di altri uomini anatomicamente moderni, simili a uomini del medio-tardo pleistocene e anche a umani contemporanei. Speculano che gli uomini moderni giunsero in Europa molto più tardi forse perché i Neandertal rappresentarono una barriera ecologica aggiuntiva.

Dal post (5) e commenti: la scoperta solleva la questione di come quei Moderni abbiano raggiunto la Cina senza incontrare Neandertal visto che questi erano presenti anche in Asia occidentale. Un percorso costiero meridionale potrebbe essere una spiegazione, ma la migrazione costiera è solitamente stimata esserci stata molto più tardi, circa 60 mila anni fa. E in tal caso ci si domanda come mai i cinesi abbiano finito con l’avere percentuali di Neandertal uguali o superiori ad altre popolazioni se gli esseri umani moderni prima giunsero in Cina e successivamente si spostarono ad ovest magari superando culturalmente i Neandethal. Non ci sono prove che il tipo di vantaggi connessi con la modernità comportamentale emerse prima in Asia orientale. E ‘possibile che ci fossero esseri umani moderni in Cina oltre 80 mila anni fa così come ci furono esseri umani moderni nel Levante 100 mila anni , ma che gli asiatici orientali non discendano in maniera significativa da loro.

Un commentatore osserva che non sono i primi umani moderni di 80000-100000 anni fa dalla Cina e che punte ateriane sono state trovate in India risalenti 100.000 anni fa. Accenna ad una finestra di 125.000 anni fa per la presenza di moderni in Arabia e alla migrazione documentata in Palestina, prima del successivo inaridimento dell’Arabia e zone costiere più ad est.
La diffusione di Neandertal nel resto del MO e in Asia centrale sembra documentata a dopo 70.000 anni fa. C’è da considerare che si trattava di piccole popolazioni di umani che forse difficilmente si sarebbero ostacolate a vicenda. Non sembra veramente necessario ipotizzare una migrazione costiera.
Comunque si osserva che probabilmente gli asiatici attuali, avendo una buona dose di Neandertal, probabilmente discendono da successive ondate di moderni che si erano mescolate con i N. più ad ovest.

°°°°°°°°°°°°°°°

Aggiornamento 27/02/2016
Ancient DNA Reveals That the Genetic Structure of the Northern Han Chinese Was Shaped Prior to 3,000 Years Ago – Yong-Bin Zhao et al. – PLOS – Published: May 4, 2015 – DOI: 10.1371/journal.pone.0125676

Da parte dell’astratto, traduzione libera:
… la storia genetica dei cinesi Han del nord è ancora oscura. Al fine di ottenere una conoscenza approfondita della storia genetica dei cinesi Han settentrionali, 89 resti umani sono stati campionati dal sito Hengbei che si trova nella Pianura Centrale e risale ad un periodo di transizione chiave durante l’ascesa dei cinesi Han (circa 3.000 anni fa). Abbiamo utilizzato dati di 64 mtDNA autentici ottenuti in questo studio, 27 profili SNP del cromosoma Y da campioni Hengbei studiati precedentemente, e set di dati genetici delle attuali popolazioni cinesi e due antiche popolazioni cinesi del nord per analizzare il rapporto tra gli antichi abitanti di Hengbei e cinesi Han settentrionali odierni. Abbiamo usato una vasta gamma di analisi genetiche per popolazioni, tra cui analisi delle componenti principali, analisi di aplotipi mitocondriali condivisi, e la mappatura geografica delle distanze genetiche materni. I risultati mostrano che l’antico popolo di Hengbei avevano una forte somiglianza genetica ai cinesi Han settentrionali odierni ed erano geneticamente distinti da altre popolazioni cinesi di oggi e da due antiche popolazioni. Questi risultati suggeriscono che la struttura genetica dei nord Han era già formata 3000 anni fa nella zona della Pianura Centrale.

Dal testo della ricerca:
Secondo i documenti storici, la maggior parte delle antiche popolazioni che abitarono la regione settentrionale della Cina erano nomadi. Con nessun insediamento permanente, queste popolazioni spesso si spostavano da un luogo all’altro. Al contrario, gli antenati dei cinesi Han erano coltivatori che spesso si stabilivano in una regione e raramente si spostavano. A seguito di aumenti di popolazione, gli antenati dei cinesi Han gradualmente si espansero nelle aree circostanti confliggendo con gli antichi gruppi del nord. Infine, la maggior parte degli antichi gruppi settentrionali scomparvero a poco a poco.

Nota: dalla mappa della Cina di figura 4 del paper delle distanze Fst matrilineari si vede la netta differenza fra la Parte nord del Paese più simile agli antichi abitanti della Pianura Centrale e la parte sud abitata da Han meridionale dove la popolazione risulta dalla fusione con antichi abitanti. Si vede anche che le minoranze più simili agli antichi Hengbei si trovano nel nord.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Aggiornamento 11/09/2016
Y Chromosome analysis of prehistoric human populations in the West Liao River Valley, Northeast China – Yinqiu Cui et al. – BMC Evolutionary Biology201313:216 – DOI: 10.1186/1471-2148-13-216

Dall’astratto, traduzioni libera:
Background
La valle del fiume Liao Occidentale nel nordest della Cina è una regione ecologicamente varia, popolata nella preistoria da popolazioni umane con un’ampia gamma di culture e modi di sussistenza. Per aiutare a capire la storia evolutiva umana di questa regione, abbiamo effettuato le analisi del cromosoma Y su resti umani antichi da siti archeologici di età compresa 6500-2700 BP.

Risultati
47 di 70 individui hanno fornito risultati riproducibili. Essi sono stati assegnati a cinque diversi sotto-aplogruppi Y utilizzando diagnostica per polimorfismi a singolo nucleotide, vale a dire N1 (xN1a, N1C), N1C, C / C3E, O3a (O3a3) e O3a3c. Abbiamo usato anche 17 loci Y short tandem repeats nella parte non-ricombinante del cromosoma Y. Sembra che nel periodo preistorico ci siano differenze genetiche significative tra le popolazioni della valle del fiume Liao Occidentale (Huang River, ndr) e complessi culturali adiacenti, e si è mostrato come queste popolazioni preistoriche portavano aplotipi simili a quelli degli attuali nord-est asiatici, ma a frequenze marcatamente differenti.

Conclusione
I nostri risultati suggeriscono che le transizioni culturali preistoriche sono associate all’immigrazione dalla valle del Fiume Giallo e dalla steppa settentrionale nella valle del fiume Liao Occidentale. Essi rivelano la continuità temporale dei lignaggi del cromosoma Y nelle popolazioni della valle del fiume Liao Occidentale nel corso di 5000 anni, con un aumento concomitante della diversità dei lignaggi causato da un afflusso di immigrati provenienti da altre popolazioni.


Nella tabella 1 si vedono le frequenze di Y nelle varie epoche. Secondo il paper le culture più antiche della valle mostrano un presenza schiacciante di N1-M231con una frequenza del 71% (penso che si riferisca alle prime quattro di tabella 1). N1 è particolarmente diffuso in Eurasia settentrionale; in particolare il sottotipo N1c si trova a bassa frequenza in Cina settentrionale presentando però una variabilità STR alta e ciò fa pensare che quella regione sia stato il centro di espansione di N1c. Col tempo N1 è diminuito nella valle (tabella1). Notare che gli autori ammettono la limitazione di avere usato relativamente pochi campioni.

L’analisi di popolazioni esistenti oggi nella regione indicano che l’aplogruppo N1 è passato da 89% (prime due della tabella 1) a meno del 10% e quello più diffuso è O-M175 con il 58,8% e C3-M217 con il 23,8%, dovuti ad influssi da sud e da nord.

Infine è citata una popolazione, gli Yi, menzionata nell’articolo sui tibetani con i quali mostrano dei legami. È l’unica popolazione con una frequenza significativa di N1 (xN1a,xN1c) nella Cina meridionale. Secondo i dati archeologici una popolazione da cui originarono furono i Diqian, una popolazione nomadica che visse nelle steppe settentrionale fra il 5000 a.C. e il 3000 a.C. Questo può spiegare l’origine di di N1 (xN1a,xN1c) negli Yi e forse, aggiungo, la quantità diversa di componente siberiana nei tibetani rispetto ai cinesi Han.

°°°°°°

Tre denti sono strati trovati nei sedimenti della grotta Bijie, Guizhou ed hanno destato scalpore perché appaiono di uomini Moderni, ma i sedimenti son datati a 112.000-178.000 anni fa mentre si ritiene che i Moderni uscirono dall’Africa 75000 anni fa. Se la scoperta verrà confermata da altre prove, anche genetiche, la storia dell’evoluzione dell’uomo potrebbe subire una rivoluzione sorprendente (6).
L’anno scorso furono rinvenuti 47 denti di Moderni nella provincia di Hunan datati a 80.000-120.000 anni fa (vedere un paper precedente in questo post). Molti ricercatori cinesi non credono alla teoria dell’uscita dall’Africa (OoA) per parte dell’Asia e si pensa che questi uomini moderni in Cina siano almeno in parte discendenti di Homo erectus pekinensis Sinathropus che visse 600.000-400.000 anni fa. Questo spiegherebbe anche la differenza tecnologica notevole fra i manufatti cinesi e quelli africani (6).

  1. European-specific mtDNA U5a2a in ancient remains from Xinjiang, northwest China – Friday, October 30, 2015 – eurogenes.blogspot.it – Link
  2. Another look at ancient mtDNA from Xiaohe, Tarim Basin – Wednesday, July 8, 2015 – eurogenes.blogspot.it – Link
  3. Evidence that a West-East admixed population lived in the Tarim Basin as early as the early Bronze Age – Chunxiang Li et al. – BMC Biology 2010 – DOI: 10.1186/1741-7007-8-15
  4. Archaic femur from Maludong, China – December 18, 2015 – dienekes.blogspot.it – Link
  5. Modern humans in China ~80,000 years ago (?) – October 15, 2015 –Dienekes Pontikos – Link
  6. Chinese anthropologists have denied the African homeland of mankind – by space – July 27, 2016 – earth-chronicles.com

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il febbraio 19, 2016 da con tag , , , , , , , , , , .

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: