Sol Invictus

Sotto il Sole

Origine e admixture delle linee parentali fondanti dei Rom in Europa

Dal riassunto gratuito di un paper accessibile solo a pagamento apprendo che:
dei ricercatori hanno condotto uno studio ad alta risoluzione sul genoma uniparentale di 753 Rom e 984 individui non-Rom ospitanti (dalla tabella 1 e dai supplementi si vede che si tratta di popolazioni balcaniche ed euro-orientali più campioni dalla Spagna, paese con popolazione Rom numerosa da lungo tempo). Hanno visto che, paragonati ai non-Rom, i Rom sono caratterizzati da minore diversità, maggiore eterogeneità, maggiore deriva genetica e minore popolazione effettiva, attribuibili ad una serie di colli di bottiglia durante la diaspora.
Un set di linee genetiche fondanti materne (H7, J1b3, J1c1, M18, M35b, M5a1, U3, and X2d) e paterne (I-P259, J-M92, and J-M67) sono risultate praticamente assenti nei non-ROM. SI è messo in evidenza un consistente flusso dai non Rom verso i Rom mentre l’opposto è minimo, fino al 6.3% (1).
Le stime massime sono date nella tabella S8 dei supplementi (sospetto che i valori reali siano quasi zero almeno in alcuni casi come per esempio greci e spagnoli perché la parola “fondante” non vuol dire che la linea non sia d’origine eurasiatica occidentale e diffusa in popolazioni non-Rom come per es. J-67; leggendo non ho notato 2 o 3 linee mtDNA e Y “specifiche” nelle popolazioni generali di alcuni paesi, vedere oltre).

Inoltre un commentatore riporta l’affermazione, forse dal paper, che in 3136 non-Rom, cioè 472 tedeschi, 96 danesi, 340 belgi, 90 olandesi, 370 cechi, 520 polacchi, 221 individui del Regno Unito e ben 1027 italiani, del database del Genographic Project, non è stato trovato nessun aplogruppo Rom-specifico H-M52, H-M82, o I-P259. L’eccezione è l’Ungheria per ragioni specificate. Al contrario il flusso dai non-Rom ai Rom varierebbe dal 17% al 46% ( 2, commenti).
Il paper include la tabella 2 nei supplementi nella quale si mostra le probabilità che i Rom originino da diverse regioni dell’India e risulta che la candidata principale è l’India del nord per gli aplogruppi maschili e nordoccidentale sia per quelli femminili (1).

Per l’Ungheria penso che si tratti di gruppi particolari o misti ungaro-rom. Fra l’altro l’Ungheria è un paese che mi risulta avere una coesistenza un poco travagliata con qualche minoranza…
Deduco da tutto ciò che ad eccezione di qualche gruppo ungherese e qualche altra popolazione balcanica (vedere anche post sugli albanesi) gli europei etnici, almeno la maggior parte quelli occidentali, sembrano risultare non mescolati con Rom. Lo 0% di tre aplogruppi rom-specifici su oltre mille italiani è indicativo. Suppongo che in futuro ci saranno altri studi.

C’è un paper, Underhill (2014), che ha trovato che la stragrande maggioranza di R1a in un campione di Rom è R1a -m780, aplogruppo considerato sicuramente di origine indiana e c’è una mappa della diffusione che attraversa il nord dell’India e include la regione dell’Indo (2, commenti e 3 paper). I ricercatori esaminando quali campioni umani di almeno 50 individui con almeno il 10% di R1a contengono un dei due aplogruppi più basali e diversificati hanno trovato che 5 su 6 provengono dall’Iran e concludono che quello è luogo più probabile dell’origine di R1a.
P.S.
Che la componente europea costituisca una discreta percentuale nei Rom si ricava anche dall’aspetto fisico più europeo di alcuni di essi: ricordo la notizia di una dodicenne culturalmente Rom ma con capelli chiari e occhi azzurri che ha mostrato un ottimo intelletto; bisognerà vedere se da adulta manterrà il punteggio (4). Una coincidenza? Ovviamente la notizia è anche propaganda per nascondere la verità quasi shoccante sulle basse performance medie nei test di QI ottenute in passato da popolazioni Rom (vedere qui e qui).

  1. Origins, admixture and founder lineages in European Roma – Martínez-Cruz et al. – European Journal of Human Genetics advance online publication – 16 September 2015 – doi:10.1038/ejhg.2015.201Figure e tabelleInformazioni supplementari
  2. Origins and uniparental genetic structure of European Roma – Eurogenes Blog- September 28, 2015 – Link
  3. The phylogenetic and geographic structure of Y-chromosome haplogroup R1a – Peter A Underhill et al.- European Journal of Human Genetics (2015) 23, 124–131; doi:10.1038/ejhg.2014.50 – published online 26 March 2014
  4. Nicole, il piccolo genio che supera Einstein e vive in una roulotte alessandra rizzo – 09/08/2015 – lastampa.it – Link

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il ottobre 2, 2015 da con tag , , , , .

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: