Sol Invictus

Sotto il Sole

Gene influisce sull’orientamento politico

Alcuni ricercatori hanno studiato l’orientamento politico, liberal vs conservatore, di quasi 1800 studenti universitari di Singapore di etnia Han (che include la stragrande maggioranza dei cinesi) analizzando le loro risposte a questionari standard e utilizzando anche un questionario specifico per calibrare le risposte in base alla cultura locale. I dati ottenuti sono stati messi in relazione con le varianti del DrD4, il Dopamine D4 receptor gene, uno dei geni che regola la dopamina presente nel cervello. In uno studio del 2014 i ricercatori avevano dimostrato il coinvolgimento dei geni dopaminergici nelle decisioni rischiose e in quelle strategiche (1 e 2).
In particolare hanno trovato un’importante associazione fra la presenza della variante 4R/4R del gene, l’orientamento politico e l’avversione al rischio. I soggetti con due copie sono risultati molto più conservatori e l’associazione è stata particolarmente significativa nelle femmine, meno nei maschi. Le femmine hanno mostrato di essere anche più conservatrici in generale. L’associazione è risultata particolarmente forte per quanto riguarda gli atteggiamenti verso l’ambiente e i diritti degli animali (1 e 2).

Con una ricerca pubblicato nel 2013 degli altri scienziati hanno voluto studiare l’influenza genetica sul comportamento di individui caucasoidi (cioè bianchi) nel Gioco dell’Ultimatum. Hanno utilizzato un campione di tedeschi “sani”. I risultati hanno confermato quanto trovato altrove per quanto riguarda l’effetto di una variante del DRD4 sul rispondente e l’assenza di un effetto sull’offerente. Infatti, in accordo con quanto riportato da Zhong et al. (2010), i portatori del genotipo 4/4 hanno mostrato di richiedere un’offerta minima accettabile del 20% più alta rispetto a soggetti con qualsiasi altro genotipo. (Inoltre un variante di DRD2 è risultata associata in maniera significativa all’offerta del giocatore 1, ma non alla decisione del giocatore 2.) (3)
Come detto questo tipo di studio era già stato condotto precedentemente su un campione di asiatici orientali (Zhong et al. 2010) in cui i portatori di 4/4 avevano mostrato un’offerta minima accettabile del 25% più alta rispetto agli altri.
In quella popolazione un’altra variante, la 7R, è rara, ma i risultati sono stati replicati in bianchi fra i quali la 7R è più comune. L’analisi dei portatori di almeno una copia di 7R non ha mostrato nessun effetto di questa variante né sull’offerente né sul rispondente del gioco. (3)

In conclusione, violando nel comportamento individuale la logica della teoria dei giochi secondo la quale nel gioco dell’ultimatum è comunque conveniente accettare l’offerta piuttosto che rinunciare e perdere tutto, qui si vede come i geni influenzino il comportamento delle persone al punto da accettare una perdita pur di punire l’offerente per la sua presunta mancanza di equità. Si potrebbe dedurre che la diffusione del 4/4 sia frutto dell’evoluzione e comporti una perdita immediata per l’individuo, ma alla lunga un vantaggio per la collettività. Osservo che il valore un poco più elevato dell’offerta minima richiesta rilevato nello studio “asiatico” fa pensare a società asiatiche più coese. Sempre su questa linea di pensiero, la quasi assenza della variante 7R fra gli asiatici potrebbe riflettere uno stereotipo, non so quanto corretto, che vede gli asiatici tendenzialmente meno “avventurosi” degli europei. Infatti in seguito ad alcuni studi ( a volte discordanti o basati su dati non del tutto oggettivi come sondaggi, ecc.) il genotipo DRD4 7R è stata definito “gene dell’avventura”, dato che i portatori sono motivati maggiormente a cercare esperienze nuove.

Il dibattito Nature vs Nurture, genetica vs effetti ambientali, vede contrapposti schieramenti motivati ideologicamente. Però sempre più le ricerche seriali mostrano che la biologia non può essere ignorata. Il fatto che persino l’orientamento politico risulti sensibilmente influenzato dai geni può portare a considerazioni sconcertanti su degli aspetti della politica e della democrazia e forse anche sui comportamenti e il modo di votare di popolazioni o gruppi diversi e sulle manipolazioni che potrebbero essere possibili con le conoscenze future.

  1. The “adventure” gene predicts political attitudes in Chinese females, according to NUS study – August 2015 – National University of Singapore
  2. Association between the dopamine D4 receptor gene exon III variable number of tandem repeats and political attitudes in female Han Chinese – Richard P. Ebstein et al. – doi: 10.1098/rspb.2015.1360
  3. The influence of dopaminergic gene variants on decision making in the ultimatum game – Martin Reuter et al. – 2013 – doi:  10.3389/fnhum.2013.00242

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il agosto 13, 2015 da con tag , , , , , .

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: