Sol Invictus

Sotto il Sole

Personalità Big Five e alimentazione

Selezione di alimenti

In una ricerca condotta in Svizzera su un migliaio di persone  degli scienziati hanno raccolto autovalutazioni riguardanti diversi parametri e hanno analizzato gli effetti dei tratti di personalità del modello Big 5 sugli stili alimentari e sulle scelte dei cibi (1 e 2).
Si è visto per esempio che un’elevata apertura mentale è associata ad un maggiore consumo di frutta e verdura e minore consumo di carne e bevande dolci. È risultato che il neuroticismo, la coscienziosità e l’estroversione influenzano significativamente e direttamente lo stile alimentare e sempre significativamente, ma indirettamente la scelta dei cibi.
La coscienziosità promuove principalmente il consumo di frutta e verdure limitando il consumo di carne e dei cibi ricchi e saporiti; riduce lalimentazione emotiva (il mangiare per compensare emozioni negative) ed esterna (mangiare indotto da input ambientali invece che da fame interna).
Al contrario il neuroticismo promuove il consumo di cibi dolci, saporiti, ricchi e spinge all’alimentazione emotiva ed esterna. L’estroversione promuove il consumo di cibi ricchi e saporiti, di carne e bevande dolci attraverso l’alimentazione esterna (1). 

In generale i risultati indicano che i neurotici e le persone emotivamente instabili sembrano adottare un comportamento contro-regolatorio per compensare il loro malessere. In particolare l’elevata socievolezza degli estroversi, un tratto che si può ritenere salutare, sembra avere degli effetti negativi sull’alimentazione. Tenendo presente che quello della ricerca è un campione limitato tratto da una popolazione europea gli scienziati concludono che ponendo maggiore attenzione alla personalità del soggetto si può cercare di migliore l’intervento per prevenire la sovralimentazione e il sovrappeso (1).

Da parte di alcune fonti si afferma che il mangiare in compagnia porta a mangiare di più. Secondo un articolo in un ristorante si finisce coll’ignorare la sensazione di sazietà soprattutto se la compagnia è numerosa finendo col consumare un 35% in più, però non è chiara la fonte di tale dato (3). D’altra parte uno studio condotto su coppie di studenti ha rivelato che le persone tendo a sincronizzarsi imitandosi e finiscono col mangiare di più quando gli altri mangiano di più e viceversa (4). Direi che è “l’effetto dolce” alla fine del pasto al ristorante che tutti conosciamo. Spesso le persone, soprattutto se amicali, mangiano per “compagnia” anche se non hanno fame.

  1. Does personality influence eating styles and food choices? Direct and indirect effects – Carmen Keller, Michael Siegrist – sciencedirect.com – doi: 10.1016/j.appet.2014.10.003
  2. Psychologists found the personality traits that make people fat – Drake Baer – Mar. 31, 2015 – uk.businessinsider.com – link
  3. How restaurant eating leads to weight gain – by Serena Styles – healthyeating.sfgate.com/restaurant-eating-leads-weight-gain-2903.html
  4. Mimicry of Food Intake: The Dynamic Interplay between Eating Companions – Roel C. J. Hermans – Published: February 1, 2012 – DOI: 10.1371/journal.pone.0031027

Image by: See page for author [Public domain], via Wikimedia Commons – This image is a work of the National Institutes of Health, part of the United States Department of Health and Human Services. As a work of the U.S. federal government, the image is in the public domain.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il aprile 2, 2015 da con tag , , , .

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: