Sol Invictus

Sotto il Sole

Gli uomini cacciarono i mammut utilizzando canidi nel Paleolitico superiore

Branco di mammut lanosiUn ricercatore si è domandato come mai i siti contenti i resti di centinaia di mammut e abitazioni costruite con le loro ossa arrangiate in strutture geometriche divennero comuni fra 45000 e 15000 anni fa in Asia centrale ed orientale  visto che questo animale era cacciato da almeno un milione di anni. Come poterono essere uccisi così tanti animali con le armi allora disponibili? Il ricercatore dapprima ha verificato che i mammut furono effettivamente cacciati e non morirono di altre cause. L’evidenza indica come risposta alla domanda la presenza di grandi canidi, forse solo parzialmente addomesticati, utilizzati dagli abitanti di quei luoghi e la cosa è supportata dal rinvenimento di resti di volpi e lupi uccisi probabilmente dai suddetti animali come ci si aspetterebbe in un ambiente in cui competono gruppi e specie diverse appartenenti alla loro famiglia. La successione dei siti pare indicare una diffusione nel tempo e spazio di questa tecnica di caccia che permette grande efficacia grazie all’abilità dei canidi scovare prede e distrarle (1 e 2). [Questi animali “asiatici” non sarebbero antenati diretti dei moderni cani domestici i quali, secondo uno studio del 2013 condotto su canidi di 1000 – 20.000 anni fa provenienti da più regioni del mondo, discendono da un antenato comune vissuto in Europa 18.800-32.100 ani fa e sono più strettamente imparentati ad altri canidi e alcuni lupi europei (1 e 3)]

I risultati di un altro studio sembrano indicare che i mammut subirono una forte riduzione della loro popolazione a causa della caccia a cui furono sottoposti 30.000 anni fa. Gli scienziati hanno studiato il sito archeologico di Předmostí in Cechia, di cultura gravettiana diffusa circa 32.000-22.000 anni fa. Gli abitanti del luogo usarono le ossa di oltre mille mammut per costruire le loro case e per i loro manufatti. I ricercatori hanno cercato una risposta a due domande. Cacciavano i mammut per cibo o sfruttavano solamente le ossa delle carcasse che trovano? Nel sito sono stati rinvenuti i resti di molti canidi considerati “cani paleolitici”: li usavano nella caccia ai mammut?  Hanno analizzato gli isotopi stabili di carbonio e nitrogeno (azoto) delle ossa umane e degli animali rinvenute nel sito. Hanno trovato che gli umani consumavano grandi quantità di carne di mammut. Hanno verificato anche che gli orsi bruni e lupi avevano accesso a notevoli quantità di carne fresca di mammut il che indica la presenza di molte carcasse nella zona. I resti dei canidi invece hanno rivelato che questi non ne mangiavano quantità paragonabili a quello dei loro padroni, ma mangiavano molta carne di cervo che invece era scarsamente consumata dagli umani. Si pensa che i cervi venissero cacciati per le loro corna da utilizzare per manufatti. Questa differenziazione della dieta per cui ai cani viene dato da mangiare ciò che meno piace ai loro padroni si osserva in tempi moderni nelle popolazioni tradizionali delle regioni settentrionali e indicherebbe che i canidi paleolitici del sito vivevano con gli umani.(4 e 5).

Una terza ricerca, condotta analizzando le concentrazioni degli isotopi stabili di carbonio, nitrogeno, zolfo e ossigeno ambientali e nei resti di Mammut, cervi e cavalli risalenti al Gravettiano e rinvenuti in due località in Germania e Francia, conclude che le condizioni climatiche rimasero stabili durante quel periodo e quindi il declino dei mammut nelle regioni centro-occidentali europee fu dovuto con molta probabilità alla caccia a cui furono sottoposti e di cui c’è qualche evidenza in Francia sudoccidentale e Germania sudoccidentale. Questo spiegherebbe la diminuzione della diversità genetica e i segni di stress nutrizionale in questi animali, secondo l’astratto del documento. I mammut scemando di numero furono via via sostituiti dai cavalli nella loro nicchia ambientale (6 e 7).

Nota finale: per quanto riguarda la diffusione del mammut lanoso e delle lingue ienisseiane vedere il post relativo.

  1. Domestication of Dogs May Explain Mammoth Kill Sites and the Success of Early Modern Humans – 29 May 2014 – science.psu.edu – link
  2. How do you kill 86 mammoths? Taphonomic investigations of mammoth megasites – Pat Shipman – sciencedirect.com – doi:10.1016/j.quaint.2014.04.048
  3. Prehistoric genomes reveal European origins of dogs – Ewen Callaway -14 November 2013 – Nature doi:10.1038/nature.2013.14178
  4. Mammoth meat was a delicacy 30,000 years ago: Gravettian people hunted the beasts for food – but fed their dogs reindeer – y Ellie Zolfagharifard for MailOnline – Published: 11:41 GMT, 25 November 2014 | Updated: 14:26 GMT, 25 November 2014
  5. Reconstruction of the Gravettian food-web at Předmostí I using multi-isotopic tracking (13C, 15N, 34S) of bone collagen – Hervé Bocherens et al. – sciencedirect.com doi:10.1016/j.quaint.2014.09.044
  6. Mammoth populations were decimated by humans 30,000 years ago – Posted by Past Horizons, on February 8, 2015 – pasthorizonspr.com
  7. Tracking possible decline of woolly mammoth during the Gravettian in Dordogne (France) and the Ach Valley (Germany) using multi-isotope tracking (13C, 14C, 15N, 34S, 18O) – Dorothée G. Drucker et al. – sciencedirect.com – doi:10.1016/j.quaint.2014.11.028 – full text here

Image by: Charles R. Knight [Public domain], attraverso Wikimedia Commons

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il marzo 9, 2015 da con tag , , , , , , , .

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: