Sol Invictus

Sotto il Sole

L’America è un ottimo posto dove vivere

L’America è il miglior posto dove vivere: lo dice con soddisfazione nel video che collego il presentatore americano che una volta tanto evita di parlare dei problemi e descrive invece il buono che c’è negli USA (1). In tanti non saranno d’accordo, ma sicuramente chi vive lì non si può lamentare. Fra i motivi addotti molti sono noti: il miglioramento del comportamento civico e rispetto verso ambiente da parte degli americani con conseguente riduzione dell’inquinamento in qualche grande città, la ricchezza notevole che ha portato ad avere i poveri che invece di morire di fame scoppiano di cibo e obesità, il miglioramento dei prodotti agricoli che oggi possono essere anche biologici, l’enorme produzione di petrolio aumentata negli ultimi tempi grazie a nuove tecnologie americane di estrazione al punto che gli USA hanno raggiunto i livelli produttivi dell’Arabia Saudita, un esercito che nel complesso è il migliore e più potente al mondo con il Corpo dei Marines che durante una battaglia è l’unica forza capace di sbarcare sulla terraferma e occuparla permanentemente (altri corpi di altri eserciti possono anche arrivare sulla terraferma, ma probabilmente hanno vita breve). L’elenco include la cultura pop americana che domina dappertutto e molti dei migliori imprenditori del mondo che per esempio da soli producono razzi e navette da mandare nello spazio. Il tutto grazie ad una economia di mercato relativamente efficiente. Da notare che il capo indiano americano nella vecchia immagine pubblicitaria pro ambiente è descritto dal presentatore come un attore “italiano” (minuto 1:25).
A questo trionfo aggiungo che recentemente il Tennessee ha ritirato la legge che proibiva di avere con sé intenzionalmente armi da taglio a scatto e lame lunghe più di 4 pollici (2, 3, 4). Pare di capire che sia il settimo Stato USA a liberalizzare il porto di tali arnesi ed è una vittoria della Knife Rights Org che ne va orgogliosa.
Si aprono grandi opportunità per gli abitanti del Tennessee che amano questo tipo di oggetti, basta vedere cosa si può comprare su Amazon in America: spade, asce, daghe e così via. Date un’occhiata:
ricerca: swords

ricerca: battle axe (ascia da guerra)

Ci sono vere e proprie armi con prezzi di centinaia di dollari che in alcuni posti degli USA si possono portare tranquillamente, se ho capito bene gli articoli. È difficile credere che ciò sia possibile per uno che vive in Italia dove a momenti uno stuzzicadenti formato “lungo” richiede una licenza. Sono troppo forti questi americani.

  1. And Now Some Good News…” con B. Whittle – Sep 25, 2014 – P.J.Media – youTube.com
  2. SO UNDER TENNESSEE’S NEW, LIBERALIZED KNIFE LAW… – instapundit.com – 25-09-2014
  3. Automatic (Switchblade) Knives & Carry Over 4-inches Now Legal in Tennessee – kniferights.org
  4. Tennessee switchblade ban repealed – dailycaller.com – 04-09-2014

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il ottobre 13, 2014 da con tag , , , , , .

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: