Sol Invictus

Sotto il Sole

Metzitzah b’peh, un rito contagioso

Se volete sorprendere e sbigottire i vostri amici descrivete il rito chiamato metzitzah b’peh praticato da alcune comunità di religione ebraica, in particolare (ultra) ortodosse. Il Mohel, il circoncisore, pratica la suzione orale del pene del neonato immediatamente dopo la circoncisione per “pulirlo”. Detto in italiano più corrente, succhia il pisello del neonato. Come uno può immaginarsi questa pratica ha conseguenze spesso nefaste. Infatti la ferita viene contaminata dai batteri e virus presenti nella bocca del Mohel e così i bambini talvolta si ammalano, tipicamente di Herpes Simplex I (HSV-I) che si trasmette per via orale. Questa infezione, che di solito ha poco impatto sugli adulti, può essere molto più pericolosa per i neonati che hanno un sistema immunitario non ancora sviluppato. Infatti nella sola città di New York dal 2000 all’inizio del 2013 sono stati riportati, 13 casi di infezione fra cui due morti e altri due hanno subito danni cerebrali. L’articolo riferisce una stima di 24,4 infezioni da herpes ogni 100 000 bambini che subiscono tale rito, cioè 3,4 volte più degli altri bambini. Il 70% riporta lesioni, il 40% febbre da herpes.

All’inizio del 2013, un rabbino rischiava di essere perseguito da parte della giustizia tedesca per aver permesso il metzitzah b’peh perché ovviamente viola la legge tedesca che chiede che  vengano rispettati i più alti standard medici. In Israele il 30% delle infezioni neonatali da herpes è dovuto al rito.

Viene anche riferito che i principali rabbini d’Israele, dopo aver espresso a parole l’intenzione di mettere al bando tale pratica, hanno fatto un voltafaccia e si osserva cinicamente che per i religiosi “non è la verità e non è il pericolo per i bambini che importa. Ciò che importa è proteggere le comunità di praticanti dalle giuste conseguenze legali pienamente meritate” (fine traduzione libera). Insomma, si insinua che farebbero quadrato per difendere i loro interessi.

L’opposizione di una parte del mondo religioso ebraico al semplice consenso informato per il rito in questione è notevole e può costare voti. A novembre 2013 ci sarà l’elezione del nuovo sindaco di New York City, città che è piena di ebrei anche ultraortodossi, e nel seguente video la cautela e se vogliamo l’ipocrisia di una parte dei candidati rivela la paura di perdere decine, forse centinaia di migliaia di voti. Solo la candidata Christine Quinn è esplicitamente a favore del modulo di consenso informato che l’amministrazione Bloomberg ha “imposto” per la pratica del rito in questione. Mi domando quale sia la situazione generale in Europa ed è probabile che alcune forze vogliano nascondere il problema sotto il tappeto ignorandolo (aggiornamento novembre 2013: Notare Bill de Blasio, diventato sindaco di New York, che diplomaticamente parla molto, ma non prende posizione)

Ipotesi storica: leggo che questa consuetudine avrebbe parecchie migliaia di anni. Ammesso che sia vero mi sono domandato quale sia l’origine reale. Suppongo che ricordi l’epoca in cui la popolazione israelitica nomade viveva in zone desertiche come vivono i beduini nomadi oggi: d’altra parte l’arabo e l’ebraico sono lingue strettamente imparentate. La scarsità d’acqua  probabilmente faceva in modo che l’igiene lasciasse un tantino a desiderare. Forse così è nata questa consuetudine, non volendo essi rinunciare alla circoncisione. È solo una mia speculazione. Ve ne sono altre possibili.

Concludo che se volete farvi due risate leggete i commenti in inglese in fondo ad alcuni degli articoli online che parlano del rito: si leggono parole e allusioni sarcastiche che non riporto, ma che potete facilmente immaginare.

Un commento su “Metzitzah b’peh, un rito contagioso

  1. musa inquietante
    luglio 19, 2013

    Pazzesco…. sono senza parole!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il luglio 19, 2013 da con tag , , , , .

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: