Sol Invictus

Sotto il Sole

Figli di relazioni extraconiugali

Post rivisto il 15/04/2017
Talvolta mi è capitato di parlare con persone le quali avevano appreso da qualcuno dei media che un elevato numero di bambini, qualcosa come il 10%, è frutto di relazioni extraconiugali, le cosiddette corna. Siccome è capitato anche a me di leggere tale cifra in un articolo di un giornale importante presento qui i risultati di una mia indagine. La cosa è interessante anche per i risvolti genetici oltre che le implicazioni sui costumi sociali. Osservo che se tale percentuale fosse valida per ogni generazione vorrebbe dire che una buona fetta della popolazione discende da un padre, un nonno o un bisnonno che tale non è biologicamente all’insaputa del discendente. Sarebbe sconcertante.

Ebbene posso subito dire che quel dato risulta essere sbagliato se riferito alla popolazione generale e frutto di numeri diffusi senza spiegare il contesto. Infatti pare che si riferisca ai risultati dei laboratori di analisi e qui sta il problema. Infatti i laboratori spesso fanno esami ai bambini per conto di padri che hanno ragione di sospettare il tradimento della compagna oppure a bambini di coppie in via di separazione e quindi con problemi alle spalle di varia natura e non affiatate. Questo crea un campione di persone che è molto diverso dalla popolazione generale. Infatti se un padre è sospettoso spesso ha una ragione per esserlo.

Invece nella popolazione complessiva e soprattutto fra coloro che ritengono il bambino come loro discendente la percentuale riportata di bambini nati da relazione extraconiugale è l’1-4%, a seconda delle fonti. Uno studio tedesco usando esami del sangue per compatibilità nel trapianto del midollo osseo ha rilevato fra i tedeschi meno dell’1% di casi di non-paternità. Altre fonti citate indicano dati sotto il 4% sulla popolazione generale e tipicamente meno del 2% in diversi paesi occidentali per bambini di padri sicuri che il figlio fosse loro (link). Per i casi in cui la paternità è incerta si sale a circa il 30%. Le percentuali variano un poco da Paese a Paese e, all’interno di essi, fra i gli strati sociali. Uno studio condotto su un cognome europeo porta ad una stima di un tasso di infedeltà o, in alternativa, di adozione non registrata di poco più dell’1% per generazione nel corso dei secoli.

Il dato che si ottiene da una popolazione poi andrebbe corretto perché bisogna vedere il tasso di errore (per esempio i “falsi positivi al test per tradimento”, per dirla ironicamente) e la percentuale di padri che, come capita talvolta nelle coppie sterili, essendosi procurato il bambino tramite un’adozione, magari illegale, e avendone tenuto all’oscuro quasi tutti, anche il bambino, mentono spudoratamente affermando la propria paternità.

La conclusione è che i figli di relazioni extraconiugali ci sono, ma in numero nettamente minore rispetto a quanto ritenuto da molte persone dopo avere letto o ascoltato le informazioni diffuse da alcuni media. L’ultima cosa da aggiungere è che ormai i kit di paternità e i test genetici sono così comuni e poco costosi che è sempre più dura per le madri infedeli nascondere il frutto del loro tradimento.

Aggiornamento del 21/05/2014
Aggiungo uno studio del settembre 2013 in cui si è estrapolato il tasso di infedeltà nelle Fiandre (Belgio) nel corso degli ultimi secoli utilizzando Y-DNA, cognomi, ecc. Con due metodi diversi i ricercatori sono giunti alla conclusione che il tasso d’infedeltà è stato del 1-2% per generazione, in linea con quanto riportato in questo post (1).
Usando il metodo più diretto, quello di genealogical pair che paragona il cromosoma Y di maschi imparentati, hanno stimato il tasso di extra-pair paternity, EPP, di circa il 0,91% (95% CI: 0,41-1,75%). Usando un altro metodo che dovrebbe essere meno preciso basato su tracce genetiche di una forte immigrazione dalla Francia del nord alle Fiandre che avvenne alla fine del 16esimo secolo hanno stimato il tasso di EPP intorno al 2%.

Aggiornamento del 17/04/2016
Un metastudio conferma il basso tasso di nascite extraconiugali oscillante intorno all’1% in gran parte dei casi e menziona alcuni risultati: 0,9% fra gli Afrikaner occidentali in Sud Africa negli ultimi 300 anni, 1,2% in una popolazione di nord italiani negli ultimi 400 anni e 0,6-1,7% fra catalani 1,8% fra i Dogon del Mali nonostante la non totale affidabilità dei resoconti orali. Frequenze più alte con un 20% in più sono state trovate solo in alcuni casi come nel basso strato sociale di una popolazione messicana e in genti con credenze particolari come gli Yanomani sudamericani con un 10%.

Il paper osserva che dopo tutto quello che era stato supposto in passato i risultati sono una sorpresa per gli scienziati comportamentali che avevano stimato che senza i contraccettivi moderni il tasso storico di EPP avrebbe dovuto essere molto più alto dell’ordine del 10-20% basandosi sugli attuali livelli di extra-pair copulations, EPC, e i tassi osservati di impegno dei membri famigliari patri- e matrilineari che è risaputo essere inversamente correlato a EPP

Le ragioni addotte per il buon livello di fedeltà sono: pratiche religiose, pressione sociale, gelosia maschile, il pesante investimento nella prole degli umani e l’aspettativa di vita lunga che rende più probabile la scoperta dell’infedeltà e il finire col pagare un costo a causa di un’aggressione da parte dei mariti e dei suoi famigliari.-

 

  1. Low historical rates of cuckoldry in a Western European human population traced by Y-chromosome and genealogical data – Larmuseau MH et al. -Published 23 October 2013 – Link
  2. Cuckolded Fathers Rare in Human Populations – Maarten H.D. Larmuseau, Koen Matthijs, Tom WenseleersMay 2016cell.com – DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.tree.2016.03.004PDF

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il maggio 31, 2013 da con tag , , , , , , .

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: